Festival Rassegna web

Pagina 8 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 10:44 am

Sanremo, vince Marco Mengoni. Oltre 13 milioni di spettatori
In finale Elio e le storie tese che sono arrivati al secondo posto e hanno vinto anche il premio della critica e terzi i Modà. Luciana Littizzetto e Fabio Fazio hanno poi ringraziato Rai1 che ha permesso loro "di fare un festival in piena autonomia e libertà"

E’ riuscito a dire solo “grazie”. L’emozione della vittoria è stata troppo forte per Marco Mengoni, il vincitore del 63esimo Festival di Sanremo del 2013 con la canzone “L’Essenziale”. Ed è stato boom di ascolti: gli italiani che hanno seguito la prima parte della serata sono stati 13 milioni 635mila con uno share del 51,96%. La seconda parte invece è stata seguita da 10 milioni 394mila spettatori con uno share del 66,60%.

Con Mengoni in finale anche Elio e le storie tese e i Modà, arrivati rispettivamente al secondo e al terzo posto. Il cantante, vincitore anche della terza edizione di X Factor, ha poi dedicato in conferenza stampa la sua vittoria a Luigi Tenco e alla sua famiglia, ma anche ”a tutte le persone che mi hanno sostenuto, alla mia squadra di lavoro che è nuova e che si è fatta un mazzo tanto per arrivare qui e creare questo nuovo progetto”. E mentre il gruppo guidato da Francesco Silvestre si è detto soddisfatto perché ”il nostro obiettivo era il podio e l’abbiamo raggiunto. Il terzo posto non è una tragedia. Soprattutto con questi rivali. Elio ha dimostrato che Fazio ha fatto un festival di grande musica. E Marco Mengoni è un artista che non scopriamo adesso”, Elio ha commentato con la sua solita ironia la medaglia d’argento: “Volevamo il quarto posto. Siamo offesi dal secondo. Non vorremmo essere etichettati come i Toti Cutugni del ventunesimo secolo. Non lo siamo”.

Al brano della band milanese, “La canzone monotona”, è andato anche il premio della critica intitolato a “Mia Martini”, commentato così da Rocco Tanica, un componente del gruppo: “Non volevamo il premio della critica, siamo stufi delle critiche, volevamo il premio del complimento”. Infine i due conduttori, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, hanno concluso la serata con un ”aver preso due pazzi come noi…Grazie Rai1″. Hanno voluto ringraziare pubblicamente e in diretta tv la rete ammiraglia per il lavoro svolto che ha permesso loro di realizzare in libertà e autonomia questa edizione del Festival. “Grazie alla rete, grazie al direttore Giancarlo Leone, al capostruttura Antonio Azzalini, a tutti coloro che hanno lavorato”.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/17/sanremo-marco-mengoni-vince-63esimo-festival-con-lessenziale/502737/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 10:47 am

Sanremo 2013, Mengoni
vince il festival

Il cantante dedica la vittoria a Luigi Tenco. Tra i finalisti anche Modà ed Elio e Le Storie Tese, a cui va il premio della Critica

di Raffaella Serini

Marco Mengoni con L'essenziale si aggiudica il 63esimo festival di Sanremo. A contendersi il titolo di vincitore, fino all'ultimo minu-voto (sia quello da casa sia quello della giuria), sono stati Elio e le storie tese con la Canone mononota (arrivati secondi) e i Modà con Se si potesse non morire (terzi).

«Dedico questa a vittoria a tutte le persone che mi hanno sostenuto e continuano a sostenermi, alla mia nuova crew di lavoro che si è fatta “un mazzo tanto” per arrivare qui e creare questo nuovo progetto», dice in conferenza stampa un emozionatissimo Mengoni subito dopo la proclamazione.«La dedico in particolare a Luigi Tenco, ringraziando la famiglia per aver mandato degli auguri sentiti in vista della esibizione di venerdì (Mengoni ha cantato Ciao amore ciao nella serata story, ndr)». E poi chiosa la domanda successiva: «Io so' felice, che ve devo dì?!».

http://www.vanityfair.it/show/sanremo/sanremo-2013/13/02/16/sanremo-2013-finale-festival-vincitori-big-podio
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 11:11 am

Sanremo, vince Marco Mengoni

di Marco Molendini

SANREMO Il Festival, più lo tiri su, più ti tira giù. Nell’anno della canzone di qualità, alla fine vince Marco Mengoni, l’ex ragazzo di X Factor, rimesso a nuovo dalla factory di Gianna Nannini, ma arrivato
alla fase finale con una canzone decisamente modesta e banalmente tradizionalista, L’essenziale. Un sussulto di novità c’è con il secondo posto dei demenziali, divertenti, scatenati Elio e le storie tese, con La canzone mononota, un pezzo a metà fra il gioco provocatorio e lo sfoggio strumentale che vince anche il premio della critica Mia Martini e quello per il miglior arrangiamento. Terzi i Modà con il pezzo più tradizionalista del lotto, Se si potesse non morire. È il frutto combinato del solito televoto, palla al piede che finisce inevitabilmente per premiare le canzoni più scontate, e della giuria di qualità, un ibrido fra musicisti e noti vari che riesce solo a far salire Elio, che il televoto aveva messo in bassa classifica, fino al secondo posto, ma trascura il pezzo più classicamente elegante, Sai di Gualazzi.
NESSUN LAMPO
Insomma, la cavalcata trionfale del Sanremo targato Fazio non si chiude con il lampo di cui avrebbe avuto bisogno. Peccato. Per una rassegna che si è fatto vanto dell’aver scelto la via della qualità, che ha aperto la serata finale facendo debuttare al Festival Richard Wagner (ma anche su Raiuno il grande compositore non aveva mai messo piede alle nove di sera e forse non era mai stato neppure nominato), il verdetto è deludente, anche se arriva dopo una settimana di successi. Ieri c’è stato perfino il timbro della salute economica, come ha fatto sapere il dg Luigi Gubitosi: ovvero il pareggio fra costi, 18 milioni compresi i 7 della convenzione col comune di Sanremo, e ricavi (pubblicitari).

http://www.ilmessaggero.it/sanremo2013/sanremo_vince_mengoni/notizie/252275.shtml
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 11:19 am

Sanremo 2013: vince Marco Mengoni. Le pagelle della finale
L'essenziale conquista la vittoria superando La canzone mononota di Elio e le Storie Tese, e Se si potesse non morire dei Modà

di Gianni Poglio

Ha vinto Marco Mengoni con L'essenziale, superando nel rush finale Elio e le Storie Tese (Premio della critica) e i Modà. Di seguito, i giudizi sulla serata finale. Questa volta, più che sulle canzoni, ci siano concentrati sulle performance. Dal punto di vista tecnico, ma anche del feeling e della capacità di comunicare.

Metto solo la parte che riguarda Marco:

Marco Mengoni
L'essenziale: Mengoni è un mattatore e incanta il pubblico ancora una volta, e il pubblico, almeno quella del Teatro, ha già deciso che questo pezzo diventerà un classico.


http://cultura.panorama.it/musica/Sanremo-2013-pagelle-vincitore-finale
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 11:21 am

Sanremo 2013, ha vinto Marco Mengoni. Quando vince un talento e non un talent

Certe volte mi piacerebbe sapere come o cosa fare per mettere tutti d’accordo. Ovviamente, vi scrivo di un discorso troppo ampio, ma i pareri personali ormai, sembrano contare esattamente quanto quelli dichiaratamente oggettivi. Se qualcuno scrive uno stato su Facebook (per farvi un esempio e farvi comprendere subito dove voglio arrivare con questo pezzo) la gente (che differisce dalla tua opinione) si domanda stupita il perché e tu, nella tua pagina personale, devi ribadire che ovviamente quella è SOLO una tua opinione.

Succede anche questo sì. In sintesi, quello che voglio dirvi è proprio che, la musica è bella, la musica è vita, liberazione, lacrime, gioia, sorrisi e mille altre emozioni, proprio perché si vive in maniera soggettiva, senza bisogno di specificare. Marco Mengoni ieri sera ha vinto la 63esima edizione del Festival di Sanremo, la kermesse condotta da Fabio e Fazio e per la prima volta da Luciana Littizzetto. La canzone s’intitola L’essenziale, ed è un bel pezzo scritto a due mani insieme a Roberto Casalino ma chissà perché, sembra non bastare. I critici musicali, i giornalisti, i blogger, i finti (e veri) intellettuali puntano il dito contro i talent show, ed allora mi domando: hanno per caso altre alternative questi ragazzi?

Se Marco Mengoni si fosse messo a cantare in metropolitana, sarebbe passato il talent scout di turno con il contratto discografico sottomano? No, quelle sono le commedie americane a lieto fine, non è la vita. Inoltre, in questa edizione hanno partecipato secondo me, delle persone decisamente oltre un talent show e basta. C’era Marco, ma c’era anche Annalisa e Chiara. C’è Annalisa, cresciuta con la musica di Bjork, i Portishead, Nick Cave, PJ Harvey, Joni Mitchell, i Sigur Rós, i Radiohead, Jolie Holland, Cristina Donà e i Subsonica. C’è Marco che oltre ad un interprete sta diventando anche autore di ciò che canta, c’è Chiara che, dopo pochi mesi è stata buttata nel tritacarne di Sanremo, e miracolosamente ne è uscita viva.

Perché considerare Elio e Le Storie Tese come dei geni senza spiegarne il motivo? Mi pare che il leader del gruppo da un po’ di anni faccia il giudice di X Factor, programma da dove è uscito sia Marco Mengoni che Chiara Galiazzo. Ma se lo fa Elio va bene e se lo fa Arisa (per esempio) no? Parlando proprio di Arisa, l’anno scorso ha portato sul palco di Sanremo una canzone di una bellezza straordinaria e tutti quanti, hanno rotto per mesi le scatole raccontando del cambiamento fisico della cantante, invece di parlare di quanto la sua musica fosse cresciuta, maturata e cambiata in meglio.

La fragilità delle opinioni, è questo che mi terrorizza. Quello lì è uscito da un talent, quello invece, il talent lo fa come giudice, quindi evviva. Mi sono anche chiesta, visto che durante i blocchi pubblicitari di Sanremo passava spesso la pubblicità di una nota marca di automobili con in sottofondo la canzone di Emma, se, questa cosa fosse successa l’anno scorso ovviamente la vittoria sarebbe stata legata a questa componente, vero? Ed invece Elio & company che cantavano la canzoncina ad uno degli sponsor della kermesse? In quel caso va tutto bene? Sì, in quel caso sì. Perché loro sono geniali.

Adesso, riportandovi il significato di genio, voglio che qualcuno mi argomenti in maniera seria il perché: Per genio s’intende quella speciale attitudine naturale atta a produrre opere di importante rilevanza artistica, scientifica, etica o sociale. Elio ha fatto questo? Come? In che modo? Spiegatemelo, perché non aspetto altro. Dopo averlo scritto anche su Twitter ho ricevuto come risposta: “Vai a nanna”. Perché è facile scrivere “genio” e non essere capaci di saperlo argomentare. E’ davvero troppo facile.

Ed allora, per una volta, lasciateli pure stare questi ragazzi usciti dai talent show, perché hanno qualcosa che forse ancora manca a chi fa musica da anni: il talento e l’umiltà di esporlo in punta di piedi. La musica la comprano soprattutto i giovani, la musica è personale, è soggettiva, mentre è universale il suo significato e la sua importanza. Ha vinto Marco Mengoni non perché piace ai gay, agli etero, alle mamme e ai bambini come ha scritto una nota blogger su Facebook. Ha vinto Marco Mengoni perché è bravo e perché ha portato al Festival una bella canzone. Non vi basta questo? Evidentemente no, ed è triste, oltre che riduttivo, però poi, si fa presto ad urlare “genio” senza argomentare. Per quello siamo sempre tutti troppo bravi.

http://www.blogtivvu.com/2013/02/17/sanremo-2013-ha-vinto-marco-mengoni-quando-vince-un-talento-e-non-un-talent/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 11:54 am

Per Mengoni l'essenziale è vincere Sanremo
Con L'Essenziale, il vincitore è Marco Mengoni, 24 anni di Ronciglione. Esploso con XFactor e amatissimo dai giovani è indubbiamente re dei social.[Francesco Troncarelli]

di Francesco Troncarelli

Marco Mengoni ha vinto il festival di Sanremo. La sua canzone "L'essenziale" è risultata la più votata (televoto e giuria di qualità) rispetto agli altri due finalisti Elio e le Storie tese e i Modà.

Ventiquattro anni (è nato il giorno di Natale), da Ronciglione, cittadina nella provincia di Viterbo , Mengoni è uno dei cantanti più amati dal pubblico giovanile e dei social network.

Artisticamente è esploso a X Factor (è stato Morgan a credere in lui), che ha vinto nel 2009, segnalandosi subito per le sue eccezionali doti vocali che hanno nella estensione e nella duttilità interpretativa le principali caratteristiche. Non a caso molti lo hanno accostato a Prince, uno degli artisti più bravi della scena pop internazionale.

Ha oltre 500mila fan e followers tra facebook e twitter, ed era uno dei favoriti della vigilia insieme a Chiara e Annalisa, tutti e tre cantanti nati in tv, nei talent e si era classificato primo nella classifica provvisoria di giovedì scorso.

Qualcuno aveva ipotizzato che la vittoria sarebbe potuta sfuggirgli all'ultimo momento, temendo un ipotetico blocco dei voti da parte della giuria di qualità presieduta dal premio Oscar Nicola Piovani, su cantanti con altri percorsi artistici. Ma così non è stato, alla fine, al momento della verità, non c'è stato nessun pregiudizio verso i talent né tanto meno verso di lui.

Anzi, Marco ha messo d'accordo tutti con questo brano scritto da lui in collaborazione di un autore del calibro di Roberto Casalino (compositore di brani per Tiziano Ferro, Nina Zilli, Emma) e di Francesco De Benedittis.

La vittoria dell'edizione n° 63 del festival di Sanremo, arriva dopo il terzo posto ottenuto sempre sul palco dell'Ariston nel 2010 col brano "Credimi ancora" e soprattutto dopo l'assegnazione del titolo di Best European Act, conquistato nel novembre sempre del 2010 a Madrid, primo artista italiano nella storia di MTV a vincerlo. Un record. Come gli svariati dischi di platino che ha ottenuto per le vendite dei suoi brani.

Consumatore avido degli album dei Beatles e degli Stones, Mengoni ama David Bowie, ma anche la musica italiana. La sua interpretazione appassionata ed emozionata di "Ciao amore ciao" di Luigi Tenco nel corso di Sanremo Story, la serata amarcord dedicata alle grandi canzoni festivaliere, ne è stata la più ampia dimostrazione.

http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=40120&typeb=0
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 11:56 am

''Vittoria Mengoni riaccende speranze per la Tuscia''

La vittoria di Marco Mengoni al Festival di Sanremo riaccende la speranza, per i giovani e gli abitanti della Tuscia, che con la qualità, la caparbietà, con progetti ed idee chiare e tanto lavoro si può arrivare ad emergere a livello nazionale ed oltre, anche se si vive in una zona da sempre in crisi come la provincia di Viterbo.

Altra considerazione, che viene dalla vittoria di Mengoni, è l”importanza delle attività culturali, musicali ed artistiche per lo sviluppo e per l’occupazione.

Per questo Progetto Sviluppo Tuscia, coinvolgendo le Associazioni, di Categoria, Culturali e del Volontariato, le Università e soprattutto imprenditori-investitori, integrerà il suo progetto per una Tuscia veramente Culturale-imprenditoriale, con la possibilità di istituire una rete tra i diversi comuni di laboratori culturali, editoriali ,studi di registrazione musicale, televisivi, teatrali, cinematografici, multimediali.

Dare vita al Sistema Culturale Tuscia, in relazione con Roma e Firenze, città culturali a livello internazionale, come elemento di sviluppo insieme alla valorizzazione ambientale, turistica e dei prodotti tipici ed artigianali.

Per questo si possono impiegare, tramite convenzioni bancarie, finanziamenti privati, utilizzare strutture pubbliche inutilizzate e far diventare il nostro territorio un esempio della cosidetta industria culturale.

Basta andare con la lista della spesa ed il cappello in mano a piangere e chiedere ai politici di turno,come abbiamo fatto senza risultato per almeno trent’ anni e che ancora si sta facendo in questi giorni pre elettorali.

Progetto Sviluppo Tuscia ha contribuito con i propri esperti alla stesura dei programmi politici delle coalizioni ed è propositiva attivando e realizzando i progetti imprenditorialmente ed è sempre pronta a collaborare con i politici intelligenti,i partiti e le coalizioni, che contribuiranno,con azioni vere, alla causa dell’ impresa e del lavoro.

La pragmaticità e realtà sul fare degli imprenditori,del volontariato,delle professioni,può aiutare la politica a ritrovare unitariamente il suo scopo.

http://www.viterbonews24.it/news/vittoria-mengoni-riaccende-speranze-per-la-tuscia_22609.htm
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 11:59 am

Ma quante idiozie scrivono?

Marco Mengoni il grande bocciato per l'Accademia del Galateo. Vince Malika Ayane

Grandi Bocciati di questo Festival di Sanremo:

1° CLASSIFICATO DEI BOCCIATI: MARCO MENGONI. “Mengoni bocciato anche solo per il baciamano più scorretto della storia. Storto, accennato e senza inchino. Non si porta la mano alla testa ma la testa alla mano. Il galateo consiglia di evitare gesti di cui non si ha padronanza.” Commenta il Presidente dell’Accademia Samuele Briatore. L’abito banale di Mengoni, non è stato reso per nulla elegante del fazzoletto nel taschino, sbagliata la fantasia e l’accostamento. Per quanto riguarda la premiazione…assolutamente tremendo vederlo mentre si grattava il viso con il premio.

2° CLASSIFICATA DEI BOCCIATI: MARIA NAZIONALE. Cerca di riprendersi nell’ultima serata, ma purtroppo non possiamo scordarci delle cadute di stile e degli orrori delle altre sere. Ultima scelta, l’abito color ciano, è stata buona, anche se una taglia in più non avrebbe guastato. La sensualità, per il galateo, nasce della curiosità e mai dall’esibizione.

3° CLASSIFICATA DEI BOCCIATI: SIMONA MOLINARI. Era tra le preferite dell’Accademia Italiana Galateo. Ma anche nell’ultima sera pecca di garbo. Abito da cocktail, troppo corto. Inoltre il galateo sconsiglia l’utilizzo di colori metallici nelle serate di gala.

I vincitori:

1° CLASSIFICATA DEI VINCITORI: MALIKA AYANE. Vittoria sudata, considerato il platino dei suoi capelli, che potrebbe risultare volgare se non gestito con garbo. Malika non ha avuto nessuna caduta di stile. “Vera vincitrice del Festival è Malika, ho visto una vera signora dello stile in tutte le serate, elegante, senza esibizione, concreta” commenta il Presidente. L’assenza di accessori è stata un’ottima scelta considerando l’utilizzo di abiti importanti

2° CLASSIFICATO DEI VINCITORI: MAX GAZZE’. Forse nell’ultima serata ha esagerato ma, la licenza artistica nel galateo premia la coerenza. Max Gazzè ha portato al Teatro Ariston abiti di alta sartoria, sapientemente accostati.

3°CLASSIFICATO DEI VINCITORI: RAPHAEL GUALAZZI. Raffinato e mai appariscente. Ha
puntato sulle sue qualità canore, piuttosto che impressionarci con il suo look: sobrio e ricercato. Abbiamo apprezzato la scelta del collo diplomatico dell’ultima sera, anche se sbottonato e senza cravatta.

PREMIO DELLA CRITICA: BIANCA BALTI. Eccetto la prima uscita, in cui l’utilizzo del bianco non si addice alla sera, soprattutto per il sapore vagamente di “matrimonio”, per il resto della serata è riuscita ad essere una vera icona di stile. Il portamento da top model ha regalato ad abiti importanti da gran sera, un profumo ricercato e elegante. La Baldi è riuscita a utilizzare il pizzo senza renderlo eccessivo, al contrario di Bar Rafaeli. Anche se un po’ eccessivo, la decisione di utilizzare un solo accessorio importante durante un’occasione formale, per il galateo è una mossa vincente.

PREMIO MIGLIOR ARRANGIAMENTO: LUCIANA LITTIZZETTO. Nonostante tutte le critiche che cii hanno rivolto, siamo convinti di promuovere nuovamente Luciana Littizzetto. Nonostante la grazia non sia la sua qualità distintiva è riuscita a correre per tutto il festival sul filo del rasoio dello stile, senza mai cadere.

http://www.riviera24.it/articoli/2013/02/17/149680/marco-mengoni-il-grande-bocciato-per-laccademia-del-galateo-vince-malika-ayane
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 12:27 pm

Il Festival di Sanremo ha un vincitore:
Mengoni trionfa su Elio e i Modà

Serata conclusiva della 63esima edizione, l'artista conquista il gradino più alto del podio. Gli "Elii" secondi, terza l'altra bnd. Superospite Andrea Bocelli. Poi la modella Bianca Balti, Claudio Bisio, Martin Castrogiovanni, Lutz Forster e Daniel Harding
dal nostro inviato ALESSANDRA VITALI

SANREMO - E' Marco Mengoni con L'essenziale il vincitore della 63esima edizione del festival di Sanremo. Al termine di una lunga serata, che ha visto esibirsi di nuovo i quattordici campioni in gara, la partita è rimasta in mano a tre finalisti: Elio e le Storie tese, Mengoni e i Modà. Alla fine l'artista l'ha spuntata sulle due band. A Elio è andato il secondo posto e ai Modà il terzo. "Dedico la vittoria al mio gruppo di lavoro e a Luigi Tenco", ha detto poi Mengoni nella conferenza stampa subito dopo la proclamazione a vincitore. A Elio e le Storie tese va il Premio della critica "Mia Martini" per la sezione Campioni e il Premio della sala stampa "Lucio Dalla" radio e tv.

Un'edizione, questa, baciata da ascolti lusinghieri, fino al boom della quarta serata, quella celebrativa, dedicata alla storia del festival. Edizione coraggiosa, come più volte ha ripetuto il direttore di RaiUno Giancarlo Leone, il primo a credere nella sfida di un festival pensato nell'ottica della ricerca della qualità (e della spending review) affidato ai protagonisti meno "sanremesi" della televisione italiana.

Mengoni: "Questa vittoria per Tenco". Era emozionatissimo già al momento della proclamazione, lo era ancora di più quando si è presentato in sala stampa, alla fine della serata. "Dedico questa vittoria a tutte le persone che mi hanno sostenuto e continuano a sostenermi, alla mia crew che si è fatta un mezzo così per creare questo nuovo progetto. Sno contento, mi sembra di essere un po' cresciuto in questi anni". Vincitore della terza edizione di X Factor, terzo classificato a Sanremo 2010, Mengoni fa parte del gruppo di artisti provenienti dai talent show. "Ma a chi dice che chi nasce con un talent non può essere considerato come gli artisti di lungo corso, rispondo quel che ho scritto nella mia canzone Come ti senti: chi viene da un talent non può avere ideali, non può avere un passato? Io un passato ce l'ho, e me lo tengo stretto. E poi basta con queste discriminazioni, siamo nel 2013...". E poi, un grazie a Luigi Tenco: nella serata celebrativa ha interpretato la sua Ciao amore ciao, "questa vittoria la dedico anche a lui e ringrazio la famiglia che mi ha fatto gli auguri. Quella canzone - ha aggiunto - rappresenta la libertà che gli fu negata e io sono stato felice di restituirgliela, riportandola su quel palco e prestando a lui la mia voce".

Segue: http://www.repubblica.it/speciali/sanremo/edizione2013/2013/02/16/news/sanremo_serata_finale-52805777/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Jazzbianco il Dom Feb 17, 2013 1:00 pm

http://www.lospaccatv.it/2013/02/17/marco-mengoni-a-lo-spaccatv-spero-di-conoscere-presto-la-famiglia-di-luigi-tenco/

Marco Mengoni a Lo Spaccatv:
“Spero di conoscere presto la famiglia di Luigi Tenco”


Scritto da: LoSpaccaTV il 17 febbraio 2013.


Il trionfo di ieri sera nella sessantatreesima edizione del Festival di Sanremo segna il momento più alto nella carriera di Marco Mengoni. Il cantante originario di Ronciglione, dopo il successo a X Factor nel 2009 e il terzo posto a Sanremo nel 2010, è riuscito questa volta a battere l’agguerrita concorrenza. E’ una vittoria arrivata con un pezzo orecchiabile come L’essenziale che allo stesso tempo ha messo ancora una volta in evidenza le qualità canore di un artista dalle grandi potenzialità. Lo Spaccatv pochi minuti dopo il successo sul palco dell’Ariston gli ha rivolto una domanda in conferenza stampa a proposito di Luigi Tenco, visto che nella serata di Sanremo Story aveva deciso di omaggiare il cantautore, scomparso nel 1967, con Ciao amore ciao. Sulla possibilità di incontrare la famiglia di Tenco e di un progetto con loro, Marco ha risposto “Sono felice di poterla conoscere, mi ha fatto davvero piacere il loro messaggio di ringraziamento per aver portato la musica di Luigi a Sanremo. Ci sentiremo presto e organizzeremo sicuramente un incontro, anche solo per un caffè“.


Mengoni ha tre dediche per questa vittoria. “In questo momento ringrazio la mia famiglia, la mia nuova crew e Luigi Tenco. Non credevo di arrivare a vincere, non avevo questa sensazione“. Sempre a proposito del grande cantautore, Marco dice.
“Qualche mese fa ho visto un video con Ciao amore ciao cantato da Dalida. Mi sono emozionato, ho pianto, io che conoscevo il 60% di questa storia e ho deciso di portare la canzone a Sanremo“.

avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 1:08 pm

Sanremo, Marco Mengoni: "Sono cresciuto"
Il vincitore del Festival si racconta dopo aver battuto Elio e Le Storie Tese e Modà

12:41 - Alla fine ha sbaragliato Elio e Le Storie Tese (secondi) e i Modà (terzi). Marco Mengoni ha vinto la 63esima edizione del Festival di Sanremo con "L'essenziale". Primo al televoto di giovedì ha continuato la sua ascesa fino alla vittoria finale. "Sono molto contento - dice il cantante - anche perché credo di aver dimostrato di essere cresciuto".
Dunque, con buona pace di alcuni critici, ha vinto Sanremo un cantante proveniente da un talent, show: “X Factor”. “Non capisco come si possa criticare il televoto quando il talento di Mengoni è così evidente”, ha detto la collega Annalisa Scarrone (che nella serata finale ha dato una straordinaria interpretazione di “Scintille”) in una nostra intervista. Qualcuno fa notare che sia nella categoria Giovani che in quella dei Big hanno vinto due ex allievi di Morgan. Una cosa è certa sia Antonio Maggio che Marco Mengoni avevano le canzoni più semplici, essenziali, che hanno subito convinto non solo il televoto ma un po' anche la temutissima Giuria di qualità capitanata dal Maestro Nicola Piovani.

Qual è stato il tuo primo pensiero dopo la vittoria?
A tutto il mio gruppo di lavoro che da quest'anno è tutto nuovo e si è fatto un mazzo tanto per creare questo nuovo progetto discografico che nascerà a marzo con un album di inediti. Un pensiero anche alla mia famiglia che mi è stata vicina e un pochino anche a Luigi Tenco.

Come mai hai pensato a Tenco?
Ho avuto la possibilità di conoscerlo attraverso un video che ho scoperto di notte mentre navigavo su Internet. Dalida interpretava la sua “Ciao amore ciao”. E' stata una folgorazione. Quando succedono queste cose decido sempre di seguire il mio istinto e così ho fatto. Ho pensato fosse giusto portare questa canzone al Festival. E' una canzone che rappresenta molto per me... Penso comunque di cantare ancora qualche altro brano suo, con l'approvazione della Fondazione Tenco.

“L'essenziale” è un brano che hai scritto tu. Sei doppiamente soddisfatto?
La canzone è vero che l'ho scritta io ma grazie anche all'apporto prezioso di Casalino e De Benedittis. Una responsabilità divisa in tre. Ho già dato con la scrittura nel precedente disco, adesso si apre una nuova fase.

Quali sono i tuoi pensieri oggi dopo la vittoria di ieri notte?
Mi sento libero e sereno.

Andrea Conti

http://www.tgcom24.mediaset.it/televisione/articoli/1082207/sanremo-marco-mengoni-sono-cresciuto.shtml
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 1:32 pm

Sanremo 2013, trionfa Marco Mengoni, vince la musica

Davvero gustoso il podio di questo 63° Festival: Modà, Elio e Le Storie Tese e Mengoni sono gli effettivi rappresentati del gusto musicale italiano. Il trionfo sanremese vale al vincitore Marco Mengoni il biglietto per l’Eurovision Song Contest, nella svedese Malmö il prossimo maggio
Tweet

Ma che bel podio, ma che bel festival! È questo quello che possiamo dire, in tutta coscienza, dopo aver rivisto, nottetempo, una specie di riassunto “mentale” del 63° Festival della Canzone Italiana che si è concluso stanotte con la vittoria di Marco Mengoni al fianco di Elio e le Storie Tese e dei Modà.

Partiamo da un’affermazione che sposiamo in toto. Nicola Piovani, presidente della Giuria di Qualità, nel corso della conferenza stampa tenutasi sabato mattina ha più volte sottolineato come il ruolo della giuria non fosse certo quello di fare la “storia”, ma solo quello di esprimere un giudizio, sì personale, ma dettato dalla professionalità, dal gusto, dall’esperienza maturata nel campo dell’arte da ogni singolo componente. Che certo non si cura della provenienza o del pedigree dei campioni in gara, ma solo delle canzoni proposte, dal modo di interpretarle, sia a livello tecnico che come presenza scenica. E che non esiste alcun motivo per cui si debba per forza far ricorso, come purtroppo spesso accade, alla cultura del “contrario” quando non del rancore.

Insomma, stiamo parlando del Festival della Canzone Italiana, dell’evento popolare per eccellenza che si celebra nel nostro Paese, e che proprio per questo bisogna tenere in considerazione del gusto popolare, in questo caso espresso dal televoto, che comunque non ruba assolutamente spazio ai suggerimenti “qualitativamente” più competenti. Quello che poi conta, quello che poi ha un senso reale e materiale, è il fatto che chi ha televotato poi compra la musica. O continua a farlo, o – come capita nella maggior parte dei casi – torna/comincia a farlo. E questo è l’importante.

Al primo posto Marco Mengoni con L’Essenziale, canzone che – in tutta sincerità – meritava davvero di vincere. Con una struttura classica, eppure elegante, ricamata su suoni acustici, si è innalzata sul gradino più alto del podio sulla magnifica interpretazione del suo autore, Marco Mengoni, una delle più belle voci che ci siano in giro da un ventennio a questa parte. Le sue capacità vocali sono così raffinate e preziose che riescono a far sembrare assolutamente naturale il suo canto, cosa che – tecnicamente parlando – non lo è affatto. E chi ha fino a ieri storto il naso aprioristicamente per colpa dei suoi genitori artistici – papà talent show e mamma televisione – dopo aver ascoltato la sua interpretazione di Ciao, Amore, Ciao! nel corso della serata Sanremo Story ha dovuto ammettere l’evidenza: è bravo.

Aggiungiamo solo una nota personale: avviare la propria carriera grazie a un talent show non è il peccato originale. Mengoni, vincitore indiscusso della terza edizione di XFactor, da quel 2009 di cose ne ha fatte tante, come vincere un bel po’ di dischi di platino, il premio RTL-MTV Man of the Year e il prestigiosissimo MTV – Best European Act (primo italiano a conquistarlo nell’intera storia del premio); ha messo in fila due anni di concerti da vivo (tra il 2010 e il 2011 è salito su un palco oltre cento volte) affollatissimi quando non sold-out ed ha sempre ricevuto la stima ammirata dei suoi colleghi più famosi, da Mina a Dalla (che lo ha espressamente chiamato per duettare in una bellissima versione di Meri Luis, canzone dal grande Lucio indicata come “la sua figlia prediletta”), da Zero a Ligabue, da Fossati a Baglioni a Ron. E tutti sappiamo che gli artisti, e i musicisti in modo particolare, vivono in un universo parallelo, dove conta – sopra ogni cosa – il talento puro e sincero.
Ecco, Mengoni – che pure è nato con un talent televisivo, che pure è bello ed ha un fanclub piuttosto vivace (ed è comoda leggenda che sia seguito esclusivamente da ragazzine) – è soprattutto bravo. Questo è innegabile.

Tanto che persino la Rai ha deciso di affidargli il delicato compito di rappresentare l’Italia al prossimo European Song Contest, da noi conosciuto come il bistrattato Eurofestival, kermesse canora internazionale che detiene il record di ascolti tra gli eventi musicali europei. Come riportato dal sito ufficiale, “attualmente è il programma più visto in Europa dopo i Mondiali di calcio, con 125 milioni di telespettatori certificati (sono considerati i soli dati di ascolto delle emittenti di Stato che trasmettono l’evento, a cui va ad aggiungersi la trasmissione via satellite, quella via streaming dal sito ufficiale eurovision.tv)”, e siamo abbastanza sicuri che quest’anno, proprio grazie alla presenza del giovane artista italiano, troverà ampio riscontro anche in Italia, che certo non mancherà di seguire l’appuntamento del prossimo maggio, quando i migliori artisti europei gareggeranno sul palco svedese di Malmo.

Torniamo ancora un momento a Sanremo, perché è doveroso richiamare l’attenzione sulla qualità musicale espressa quest’anno grazie anche alla direzione di Mauro Pagani e alla incredibile bravura dei professori che hanno suonato per cinque sere di seguito circa 70 canzoni, passando da Verdi e Wagner agli Almamegretta e agli Elii senza mai derogare dalla Alta Qualità esecutiva.

Concludendo, non possiamo che dirci d’accordo con quanto chiarito da Fabio Fazio proprio in apertura di questo Festival, la sera del 12 febbraio, quando ha sottolineato che all’Ariston si festeggia la canzone popolare, ovvero quella che piace a tutti, e che proprio per questo suo carattere trasversale è la più difficile da realizzare. Complimenti ai vincitori: loro ci sono riusciti.

http://www.musicpost.it/sanremo-2013-trionfa-mengoni/3225/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 1:56 pm

Sanremo 2013: le pagelle finali.

Fabio Fazio: 7. Ha corso il rischio di una spalla comica e a volte si è trovato a fare la spalla. Ha addirittura tirato fuori le imitazioni! Ha sbavato solo un po’ sull’aspetto istituzionale (il televoto gli fa schifo proprio, secondo me) soprattutto nella prima puntata. Però si è preso la responsabilità di scelte coraggiose e se fosse andata male sarebbe stato un facile bersaglio.
Luciana Littizzetto: 9 Non era facile per niente. Se pensate che Crozza e Bisio avevano un unico intervento e hanno “riciclato” il repertorio, Luciana è stata proprio brava. Ha fatto appelli, seri, era affettuosa coi cantanti, ha mantenuto il ritmo e si è messa in gioco totalmente con un affetto trasversale. E sembrava di essere nel suo salotto di casa. Poi ci sono i soliti puzzoni che dicono che sa dire solo una cosa, ma le battute che fanno più ridere sono quelle che già sai e ti piacciono ogni volta allo stesso modo.
La gara: 5. Il meccanismo prima della finale non mi ha appassionato. O forse sono talmente legato alle eliminazioni e ai televoti che ormai mi sembra impensabile che i cantanti restino fino alla fine. E poi voglio sapere chi è il 4 classificato e se sono arrivati ultimi gli Almamegretta o Marta sui Tubi.
Bianca Balti: 7. E’ dolce e simpatica. La modella che inciampa mentre mostra alla Littizzetto come si sfila è una scena cult. Peccato solo che le abbiano truccato la faccia così bianca (nomen omen?) che le faceva venire quasi i denti gialli.
Claudio Bisio: 4. Un’occasione sprecata. Vuole parlare di politica senza parlare di politica, accennando a qualunquismi che non fanno né ridere né sono costruttivi. Pare che la storia di nonna Papera l’avesse fatta già mille volte. Un po’ come il cantante virtuoso che fa solo sentire i virtuosismi ma si scorda la canzone.
Chiara: 8. Non potete dimenticare che questa ragazza fino a due giorni fa era una concorrente di X-Factor. La sua canzone è proprio bella, marchio Baustelle, e spero tanto che qualcuno si prenda cura di lei e non me la faccia sparire. La sua “goffaggine” mi ricorda un po’ Adele, che se ne frega dei difetti perché pensa solo a cantare. Un esempio.
Andrea Bocelli: 4. Non ho mai capito il successo di Bocelli, e me ne scuso. Ieri ha fatto il karaoke sul palco portando pure il figlio a suonare nell’unico momento “Ti lascio una canzone” del Festival. Non mi ha lasciato quasi nulla, se non un po’ di noia.
Marco Mengoni: 9. E’ il più bravo e secondo me ha vinto quando ha cantato Ciao, amore, ciao finendo in lacrime. La voce a volte mi ricorda quella di Alex Baroni, un altro talento vocale. Speriamo che il sodalizio con Casalino – già autore per Tiziano Ferro – porti a un disco di sostanza, perché la forma è eccellente. Bravo Morgan che l’ha lanciato, never forget. Occhio solo ai “giochi di occhi”.
Elio e le Storie Tese: 10. Ammetto che mi hanno conquistato, al di là del tormentone. Ieri pensavo: in versione “obesa” alla gente non piaceranno. Sicuramente la botta definitiva gliel’ha data la giuria di qualità, ma sono stati davvero coraggiosi. Poi Rocco Siffredi sul palco. Scena culto. (Per Yram: ho ascoltato e amato assai la canzone di Daniele Silvestri nudo).
Modà: 5. C’è qualcosa di questo gruppo che non mi convince, e non so spiegarmi bene cosa. O forse sono solo troppo giovani per me.
Pippo Baudo: 9. Arriva, si prende il palco e non se ne va più.
Maria Nazionale: 10. Ha un’eleganza da far sbiancare Bianca.

http://popup.vanityfair.it/2013/02/17/sanremo-2013-le-pagelle-finali/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 2:14 pm

Sanremo, il trionfo di Marco Mengoni

Elisabetta Giovanforte

RONCIGLIONE – “Ho dedicato questa vittoria a Luigi Tenco”, ha commentato a caldo, fuori dal Teatro Ariston Marco Mengoni (foto), dopo aver trionfato su tutti e tutto ed aver vinto la sessantatreesima edizione del Festival di San Remo.

Il suo brano “L’essenziale” è subito piaciuto, in sincronia con quello che tutti desiderano da una canzone festivaliera, bella, essenziale appunto, orecchiabile e cantabile, di quelle che arrivano immediatamente al cuore ed all’orecchio. A Ronciglione un maxischermo presso il Teatro Ettore Petrolini ha riunito il cuore dei cittadini, pulsante dietro il televoto ed al responso della giuria popolare presieduta da un quasi concittadino, il Premio Oscar Piovani, originario di Corchiano.

Giostre di auto in Piazza Vittorio Emanuele III e clacson hanno festeggiato il singolare evento e poi tutti a ballare al “Numero nove”, insieme alla nonna Iolanda, alle zie Paola, Olimpia, Marcella, allo zio Mario che ha così commentato la vittoria: “per scaramanzia non davo per vincente Marco fino all’eliminazione ed ai tre pezzi in finale. Lì, contro Elio e le storie tese ed i Modà, ho avuto la percezione del trionfo.

Un riscatto per Marco e per la precedente partecipazione al Festival in cui arrivò terzo e gli orchestrali, per protesta, gettarono gli spartiti a terra”. Nonna Iolanda, la mamma di mamma Nadia, raggiante in volto, ha voluto ringraziare uno per uno i presenti. All’ariston , ad applaudire Marco, c’erano i genitori Nadia e Maurizio, gli zii Paolo e Sandro, le cugine Chicca e Iaia. Marco Mengoni, 24 anni appena compiuti a Natale, rappresenterà l’Italia al prossimo Eurofestival in Svezia.

http://www.ontuscia.it/spettacolo/sanremo-il-trionfo-di-marco-mengoni-74410
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 2:16 pm

Marco Mengoni vince il Festival del Cambiamento"

Metto solo la parte che riguarda Marco:

Il cantante viterbese ha dedicato la vittoria al suo gruppo di lavoro e a Luigi Tenco: «Questa vittoria -ha detto in sala stampa subito dopo la premiazione- la dedico anche a lui e ringrazio la famiglia che mi ha fatto gli auguri. 'Ciao amore ciaò rappresenta la libertà che gli fu negata ed io -ha concluso il vincitore della kermesse- sono stato felice di restituirgliela, riportandola su quel palco e prestandogli la voce».

http://www.unita.it/culture/marco-mengoni-vince-il-festival-del-cambiamento-1.484098
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 2:35 pm

VITTORIA DI MENGONI A SANREMO: LE FELICITAZIONI DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA MEROI
17/02/2013 : 14:26

(NewTuscia) – VITERBO - “Ho accolto con grandissima soddisfazione la vittoria di Marco Mengoni al Festival di Sanremo con la canzone L’Essenziale. L’artista di Ronciglione ha dunque ottenuto quel trionfo che non era arrivato tre anni fa quando, nonostante i pronostici della vigilia, si classificò al terzo posto. L’eccellente risultato di Marco Mengoni, decretato da una giuria tecnica di altissima qualità ma ancora di più dal pubblico, è senza dubbio un motivo d’orgoglio anche per la Tuscia che oggi può vantarsi ancora di più di questo suo illustre, giovane conterraneo. A nome dell’Amministrazione provinciale di Viterbo rivolgo i miei migliori auguri a Marco, con la speranza che a questa straordinaria vittoria, ne possano seguire tante altre in futuro”.

Marcello Meroi
Presidente della Provincia di Viterbo

http://www.newtuscia.it/interna.asp?idPag=48395
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 5:43 pm

SANREMO 2013: LA CLASSIFICA FINALE COMPLETA

Ladies and Gentleman ecco la classifica finale del Festival di Sanremo 2013. Se i primi tre erano noti, sorprendono l‘ottavo e il nono posto delle ex talent Chiara e Annalisa, penalizzate fortemente dalla giuria. In particolare la cantante di Scintille, giunta quarta al televoto, è dodicesima per la giuria presieduta da Nicola Piovani. In linea di massima il voto popolare è in disaccordo con la giuria di qualità che addirittura confina il vincitore Marco Mengoni al sesto posto premiando Elio e le storie Tese. Modà e Mengoni si sono spartiti invece circa il 45% del televoto, una cifra monstre.

Classifica Definitiva (Televoto + Giuria di Qualità):

1. Marco Mengoni
2. Elio e le storie Tese
3. I Modà
4. Malika Ayane
5. Raphael Gualazzi
6. Daniele Silvestri
7. Max Gazzè
8. Chiara
9. Annalisa
10. Maria Nazionale
11. Simone Cristicchi
12. Marta sui tubi
13. Simona Molinari e Peter Cincotti
14. Almamegretta

Classifica del Televoto (sommatoria dei voti di giovedì e sabato):

1. Marco Mengoni
2. Modà
3. Annalisa Scarrone
4. Chiara Galiazzo
5. Raphael Gualazzi
6. Elio e le storie tese
7. Maria Nazionale
8. Daniele Silvestri
9. Simone Cristicchi
10. Simona Molinari e Peter Cincotti
11. Malika Ayane
12. Max Gazzè
13. Marta sui Tubi
14. Almamegretta

Classifica della Giuria di Qualità:

1. Elio e le storie tese
2. Malika
3. Gualazzi
4. Daniele Silvestri
5. Gazzè
6. Mengoni
7. Modà
8. Chiara -Marta sui Tubi (pari merito)
10. Maria Nazionale
11. Simone Cristicchi
12. Annalisa
13. Molinari – Cincotti e Almamegretta (pari merito)

http://www.davidemaggio.it/archives/70799/sanremo-2013-la-classifica-finale
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 5:44 pm

SANREMO 2013: LE PERCENTUALI DEL PODIO

E’ stato un podio tutto al maschile quello decretato nella serata finale del Festival di Sanremo 2013 . La 63esima edizione della kermesse, condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, è stata vinta da Marco Mengoni con il brano L’essenziale, seguito da Elio e Le Storie tese con la Canzone mononota e dai Modà con Se si potesse non morire. La graduatoria è stata determinata dal televoto unito al contributo della Giuria di Qualità. Andiamo dunque a vedere nel dettaglio le percentuali di voto, stando ai dati apparsi in sovrimpressione dopo l’annuncio del vincitore.

Votazione totale – Marco Mengoni ha ottenuto il primo posto con il 36% delle preferenze, gli Elio e le Storie tese il secondo con il 33%, seguiti dai Modà col 31%. Tali cifre sono state ottenute mediando le indicazioni della Giuria (pesante per il 50%) a quelle del televoto (espresso per il 25% ieri e per il restante 25% nella serata di giovedì).

Votazione Giuria di Qualità – Secondo un meccanismo di voto “a gettone”, la commissione composta da Serena Dandini, Stefano Bartezzaghi, Nicola Piovani, Eleonora Abbagnato, Claudio Coccoluto e Beppe Fiorello ha così distribuito il proprio gradimento: 44% a Elio e Le Storie Tese, 28% a Marco Mengoni, 28% ai Modà. Il pubblico da casa, invece, si è espresso diversamente…

Votazione televoto – Nel dettaglio, la somma dei (tele)voti di ieri sera e di giovedì scorso ha premiato Marco Mengoni con il 44% delle preferenze, seguito dai Modà al 34% e dagli Elio e Le storie tese al 22%.

Come spiegato, la media tra i voti espressi dal pubblico e quelli della Giuria ha prodotto il risultato finale.

http://www.davidemaggio.it/archives/70758/sanremo-2013-le-percentuali-del-podio
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 8:00 pm

Sanremo 2013: la classifica finale ragionata di PinkDNA

Lo ammettiamo il Festival di Sanremo che si è appena concluso è stato sorprendente per molti versi, capace di calamitare l’attenzione degli italiani senza polemiche, fatta esclusione per quella su Maurizio Crozza la prima sera. Tanta buona musica, molta educazione, un Sanremo sereno forse in parte imposto dal periodo elettorale e difficile che stiamo attraversando, ma gestito al meglio dal pacato e sempre presente Fabio Fazio e dalla vulcanica Luciana Littizzetto che ha fatto la premiere dame senza strafare o esagerare, qualche punturina qui e là, ma nulla di più.

Poi tanto merito va agli artisti selezionati, tutti molto bravi, eccetto alcuni che sono spariti con il passare delle serate, la musica è stata di buona qualità, piacevole, tipicamente italiana per molti versi. Onore al merito di Marco Mengoni che è riuscito a battere i Modà e gli Elii che con la Canzone mononota hanno letteralmente sconvolto ogni previsione. Il vincitore di X Factor, ormai qualche anno fa, è stato il cantante sul palco dell’Ariston che è cresciuto maggiormente, tirando fuori gli attributi quando necessario e sfondando nel cuore della giuria di qualità, oltre che in quello della gente, che inneggia a Mengoni sui social network e canticchia la sua canzone per strada, in autobus e in ogni dove… e in tutti i cieli e tutti i mari.

Così, visti i tanti spunti di riflessioni, le cose interessanti e quelle da bocciare, ecco una pagellona sanremese tutta da gustare, tra il serio e il faceto, cercando di dire qualche piccola verità.

Cantanti

Marco Mengoni: 10
Sanremo lo ha vinto venerdì sera, con quella magistrale e commossa interpretazione di Ciao Amore Ciao di Luigi Tenco, lì ha dato il colpo del KO a tutti i rivali, infrangendo le barriere di chi lo vedeva come “animale da talent” ancora incapace di convincere e sfondando ogni resistenza nel cuore della gente comune. Questa sua esibizione resterà nella storia di Sanremo, ne siamo certe. Ci ha messo l’anima oltre al talento e questo ha fatto la differenza, se continuerà a crescere così i big della canzone dovranno davvero stare attendi. Per non parlare dell’aria stralunata al momento della premiazione, quando Luciana Littizzetto ha dovuto sorreggerlo perché stava per svenire. Si parla tanto di giovani… eccone uno che merita, non perché sia un prodotto televisivo, ma perché semplicemente bravo e innamorato di ciò che fa. Perfetto.

Le pagelle degli altri cantanti: http://www.diggita.it/v.php?id=1111696
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 8:04 pm

Marco Mengoni a Domenica In da Sanremo: ricevuto il biglietto di andata per l’Eurovision Song Contest 2013

L’ultimo artista che ha fatto il suo ingresso nella trasmissione domenicale Domenica In, questo pomeriggio in diretta interamente dal teatro Ariston di Sanremo, all’indomani della chiusura della celebre kermesse canora, è stato il trionfatore della 63esima edizione, Marco Mengoni, ancora visibilmente stordito dalle emozioni che hanno caratterizzato l’intera giornata. Considerato il candidato numero uno alla vittoria finale, Marco è stato accolto da un tripudio di applausi dalla platea. Dopo il consueto servizio riassuntivo sulla sua esperienza sanremese, la padrona di casa ha chiesto cosa fosse per lui l’essenziale, parafrasando così la canzone che lo ha portato al trionfo.

“La cosa più importante, ciò che per me è vita è questo, è stare su un palco, guardare gli occhi e ogni sera trovare emozioni diverse con un pubblico davanti che è quello che conta di più”, ha replicato Marco, ricordando poi insieme a Federica Gentile gli autori del brano, Casalino e De Benedictis, tra le firme più belle del panorama musicale italiano attuale. La parola è passata a Pierluigi Diaco: “Sono contento che Marco sia sul podio insieme a due numeri uno di generi diversi, i Modà ed Elio e le storie tese, perchè rappresenta lo stato d’animo della musica italiana”, ha commentato, per poi aggiungere: “Ho la sensazione che lui abbia un dono di cui è inconsapevole ma che gestisce con grande tatto, che è la voce. Ho la sensazione che usi la voce per esorcizzare la sua solitudine, come se fosse quasi la voglia di un riscatto che parte dal palco per arrivare al cuore della gente”.

Marco, in parte ha confermato le ultime parole di Diaco, ricordando proprio come il suo ultimo disco prendesse il nome di Solo 2.0 e commentando: “E’ cambiato il mio modo di scrivere, ora è molto più positivo e molto più pragmatico. Adesso torniamo alle origini”.

La Cuccarini ha poi ricordato l’esibizione dello scorso venerdì in occasione di Sanremo Story, sottolineando come sia il pubblico che critica siano stati “unanimi sul fatto che l’omaggio a Tenco sia stata l’interpretazione più forte ed emozionale di tutta la serata dedicata al Festival”, aggiungendo: “Si è percepito profondamente che quel pezzo l’hai vissuto sulla tua pelle”.

Inutili le critiche di Salvatori ancora incentrate sui talent, alle quali ha replicato secca la conduttrice: “Credo che Marco Mengoni sia una realtà della nostra musica che vi piaccia o che non vi piaccia”.

Infine, prima della sua esibizione, il sindaco di Sanremo ha consegnato a Marco il biglietto di andata all’Eurovision Song Contest che si terrà a Malmö in Svezia dal 14 al 18 maggio 2013.

http://www.blogtivvu.com/2013/02/17/marco-mengoni-a-domenica-in-da-sanremo-ricevuto-il-biglietto-di-andata-per-leurovision-song-contest-2013-foto/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da cassandra il Dom Feb 17, 2013 10:00 pm

Dal blog Tuttofamedia

metto solo la parte dedicata a Mengoni...per il resto del pezzo metto il link:

Mentre il mondo cade a pezzi io compongo nuovi spazi. Marco Mengoni vince con una canzone facilissima, che avrebbe potuto cantare chiunque, ma sicuramente chiunque non avrebbe vinto Sanremo con questa canzone. Dunque bravo Marco, anche a fermare gente che sa solo buttare voci, ma c’è ancora tutta una nebulosa attorno al valore artistico di Marco Mengoni. Si fatica a capire il senso generale del quadro, che cosa farne esattamente di un talento così cristallino: ballatone, gorgheggi, svisi, pezzettini da classifica, e poi? Poi magari vince l’Eurofestival e cambia la storia.


http://tuttofamedia.com/2013/02/vince-marco-mengoni-meglio-cosi-che-moda/
avatar
cassandra
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 1838
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 55

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 10:35 pm

Festival di Sanremo, fine dell’egemonia della banalità
di Giorgio Simonelli | 17 febbraio 2013


Mi dispiace per coloro tra i miei lettori che considerano il Festival di Sanremo una boiata inguardabile e chi se ne occupa un perdigiorno, ma voglio tornare sull’argomento e proporre una riflessione finale che riassuma quanto emerso da una settimana di televisione.

Ancora una volta, infatti, Sanremo ci ha detto molte cose sul mondo e soprattutto sulla sua rappresentazione televisiva. E, per una volta, ci sono notizie confortanti. Lasciamo da parte l’analisi dei vari elementi, della messa in scena e dei personaggi, dei contenuti e della scrittura, da cui sono emerse cose molte interessanti, molti pregi e anche qualche errore. D’altronde come ci ha insegnato Billy Wilder, nessuno è perfetto nella vita, figurarsi in televisione. Quello che alla fine rimane, però, è un dato molto importante, una svolta moto significativa nel percorso della nostra televisione.

Per spiegarmi bene, faccio un passo indietro. Per anni ho sentito pronunciare da chi crede di saper fare televisione una frase che mi faceva imbestialire: “non sono cose da prima serata”, riferita alle proposte che volevano introdurre in quella fascia di programmazione qualche contenuto di un certo spessore e una certa qualità di scrittura. Insomma, l’idea era questa: anche nel servizio pubblico, bisogna compiacere i gusti dell’audience più vasta che, com’è noto, sono inclini al peggio, alla ripetizione, al sensazionalismo, alla banalità. E’ vero che, sempre nell’ambito del servizio pubblico, c’è una strana area in cui appaiono con successo scrittori e musicisti, critici d’arte e registi cinematografici mescolati a una comica con spiccata passione per la coprolalia. Ma è un’anomalia, come dimostra appunto la singolare mescolanza, una sacca di resistenza di un modo di far televisione e di un tipo di telespettatore destinati a estinguersi.

Poi succede che la nuova direzione di Rai 1 affida agli organizzatori di questa anomala resistenza il Festival di Sanremo, cinque prime serate. E si scopre che si può fare. Che, in prima serata, si può fare musica classica, si può ascoltare ottima musica leggera (Veloso ma anche Silvestri, Cristicchi, per non parlare di Elio che appartiene alla categoria della genialità); che i vincitori dei talent sanno interpretare Tenco come nessuno ha mai fatto, che si può parlare in forme televisive originali e perfino divertenti di diritti civili e di violenza sulle donne, che si può ospitare la donna più bella e raffinata del mondo e farla giocare spiritosamente con quella incline alla coprolalia, che anche a Sanremo i bravi registi e i bravi scenografi possono esprimere la loro creatività: basta una scala. E che tutto questo interessa al 40% dell’audience.

Insomma pensate: per anni i signori del “non è roba da prima serata” hanno tenuto in scacco, con un grandissima balla, tutti, pubblico, critica, chi studia e chi progetta la televisione, imponendo l’egemonia della banalità e di un cattivo gusto che sono la loro cifra e non necessariamente quella degli italiani. Ecco, questo è il risultato che ci lascia il Festival di Sanremo. Se vi pare cosa di poco conto….

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/17/festival-di-sanremo-fine-dellegemonia-della-banalita/502794/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Feb 17, 2013 10:36 pm

Marco Mengoni: il vincitore di Sanremo 2013 vince anche la gara del look più bello

Marco Mengoni, si sa, è una garanzia. L'ex di X-Factor continua a macinare successi e consensi. Il pubblico lo adora, le donne impazziscono per lui, e alla redazione di Look dei Vip piace per il suo stile, mai banale ma sempre ricercato e azzecatissimo.

Per la 63esima edizione del Festival di Sanremo - che lo ha visto trionfare tra i Big con "L'Essenziale" dopo essere sempre stato in cima alla classifica - ha scelto outfit classici ed eleganti, che mettevano in risalto il suo sguardo a metà tra il bravo ragazzo e il bel tenebroso.

Per la prima serata, quella in cui ha cantato sia "Bellissimo", la canzone scartata, che "L'essenziale", Marco aveva optato per il blu. Un grande classico, con tanto di pochette da taschino, che quest'anno ha fatto da padrone sul palco dell'Ariston, soprattutto tra le donne.

Per la terza serata invece ha osato un total look bordeaux tono su tono, condiviso tra l'altro dall'altro vincitore, Antonio Maggio. Di lui ci era piaciuta tantissimo la pettinatura, con un ciuffo di riccioli spettinato sulla fronte che sembrava voler dire "sono bello anche appena sceso dal letto".

La quarta serata lo ha visto salire sul palco con un perfetto outfit retrò, pettinatura compresa: la scelta non è stata casuale, dato che Mengoni ha interpretato con passione "Ciao Amore Ciao" di Luigi Tenco. Uno splendido dandy!

E per la Finalissima Marco ha conservato l'allure glamour: abito grigio con immancabile pochette da taschino e capelli ordinati. Completa il look il premio tra le mani!

http://www.look-dei-vip.it/articolo/marco-mengoni-il-vincitore-di-sanremo-2013-vince-anche-la-gara-del-look-piu-bello_a2185/1
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Lun Feb 18, 2013 8:53 am

L’Italia si divide in due partiti: pro e contro talent show

Ci sarà pure un motivo se l’Italia è chiamata «Belpaese»: forse anche perché a un passo da una cruciale tornata elettorale, fritti da una crisi peggiore di quella del ’29, ci accorgiamo improvvisamente di essere divisi in due poli: i favorevoli e i contrari ai talent show.

Non è che i talent siano un programmino televisivo che, dopo aver sonnecchiato un po’ sul divano, noi tutti possiamo dimenticare. Il talent si rivela ora una filosofia di vita e ognuno ha il diritto di schierarsi. A partire dal vincitore della kermesse, Marco Mengoni, che ha attaccato chi è prevenuto nei confronti dei «figli» dei talent. A loro ha mandato a dire: «Io un passato ce l’ho e me lo tengo ben stretto. Non ci sono più problemi di razzismo. Chi pensa male continui a farlo».

Forse Mengoni si è stufato di sentir parlare di X Factor, del quale è stato vincitore nel 2009 (in fondo è passato un bel po’). La cosa comunque gli ha procurato un acceso battibecco con Dario Salvatori, ieri in diretta su Domenica In. Il giornalista e critico musicale lo ha invitato a non perdere la pazienza. Anche se c’è chi gli domanda per la milionesima volta cosa pensa dei talent. Mengoni in compenso ha ricevuto un saluto di solidarietà da Fiorello che, via Twitter, ha sentenziato: «Amici dei talent, non vi crucciate. A me hanno sfranto i maroni con la storia dei villaggi. Sarà così finché campo. Il successo non si perdona».

E a proposito di polemiche metafisiche non potevano mancare i brontolii dei soliti «bene informati» su possibili brogli. Illazioni rinviate al mittente e definite anzi «offensive» e anche «ridicole» dal direttore di Rai1 Giancarlo Leone, che ha replicare a domande sull’argomento di alcuni giornalisti. Tutto partirebbe, ma trattasi di aria fritta, dall’ipotesi secondo cui Elio e le Storie Tese avrebbero ottenuto benevolenza visto che Elio presta la voce ad uno spot Vodafone, sponsor del Festival. «La giuria di qualità non può essere stata influenzata dal fatto che ci sia uno sponsor - ha detto Leone - Mi dispiace che Piovani, presidente della giuria, non sia qui, in conferenza stampa, io al suo posto mi riterrei offeso personalmente. Sarei anzi pronto a sfidare a duello chi fa affermazioni del genere. È offensivo e al tempo stesso ridicolo immaginare che nomi così illustri come quelli della giuria di qualità possano essere orientati perché c’è Vodafone che ha fatto cantare Elio nello spot. Non possiamo che rigettare una simile idea, che può appartenere alla migliore fantascienza». Forse anche alla peggiore.

http://www.iltempo.it/cultura-spettacoli/musica/2013/02/18/l-italia-si-divide-in-due-partiti-pro-e-contro-talent-show-1.1110135
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da JeanGrey il Lun Feb 18, 2013 10:03 am

Retroscena

Modà e l'idea del complotto

Il dubbio che nel televoto di sabato sia circolato l'appello «al voto utile» per spingere Mengoni


Tipicamente italiano, il concetto di voto utile arriva anche a Sanremo.
Cioè, non si vota il proprio preferito, ma il candidato meno sgradito.
Potrebbe essere successo nel televoto di sabato. Nella fase a 14, i Modà erano davanti a Mengoni (25 per cento a 21). Poi sono rimasti in tre ed è successo qualcosa: Mengoni ha avuto il 44 per cento contro il 34 dei Modà (e il 22 di Elio). Due ipotesi. I modaisti vanno a nanna presto e le mengoniane sono nottambule. Oppure gli appelli al voto utile, ne giravano molti su Twitter, hanno spinto Mengoni. C'era chi suggeriva di non votare Elio che non ha la stessa potenza di fuoco e di preferire Mengoni pur di non far vincere la band di «Kekko» Silvestre. Il complotto, altro concetto tipicamente italiano.

Andrea Laffranchi

http://www.corriere.it/spettacoli/speciali/2013/sanremo/notizie/18-02-moda-e-lidea-del-complotto-laffranchi_ab0e56ba-799b-11e2-9a1e-b7381312d669.shtml
avatar
JeanGrey
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 1897
Data d'iscrizione : 12.12.10
Località : Rivendell

Tornare in alto Andare in basso

Re: Festival Rassegna web

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 8 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum