Rassegna web

Pagina 5 di 40 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 22 ... 40  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mer Feb 27, 2013 12:17 pm

Mengoni pop e Zucchero Blues
Tutte le star pronte per Lucio
In scaletta, il 4 marzo, anche Pino Daniele, Mannoia, Vanoni, Nannini e Zero. Intanto in piazza Maggiore il palco prende forma

BOLOGNA - La grande festa di compleanno per Lucio Dalla comincia a crescere, come una torta che sta lievitando bene. Per assaggiarla, però, toccherà aspettare la sera del 4 marzo, quando in piazza Maggiore sarà proprio la musica a intonargli quegli auguri che avranno il sapore del ricordo. A cantarglieli saranno gli amici cantanti, bolognesi e no, con cui ha condiviso i momenti più intensi della sua vita, stroncata da un infarto un anno fa, il primo marzo, a Montreux, guarda caso lì dove si celebra quella che è stata la sua più grande passione con una rassegna celebre in tutto il mondo: il Montreux jazz festival.

LO SHOW - L’appuntamento sarà alle 21.15 sul Crescentone, dove stanno già montando il palco. Si proseguirà fino a mezzanotte e mezza, chi non potrà esserci potrà seguirlo in diretta su Rai Uno. A presentare la serata l’amico di tutti i tempi, Gianni Morandi, un po’ nei panni di cantante e un po’ in quelli di presentatore. Già perché l’omaggio che verrà tributato a Dalla, correrà sulle note delle sue canzoni più famose. E non sarà e non vuole essere una commemorazione, come ripetono gli organizzatori della Ballandi Entertainment.

I CANTANTI - La line up del concertone intanto è diventata ufficiale e vi prenderà parte persino Marco Alemanno. Ci saranno dunque Samuele Bersani, che per Dalla nel 1996 scrisse «Canzone», presentata anche al Festivalbar. Salirà in scena Mario Biondi, il crooner siciliano che aveva duettato con il cantautore in un album dei Neri per caso e che spesso aveva cantato dal vivo la sua «Futura». La Sugar di Caterina Caselli porterà il tenore Andrea Bocelli, partner con il cantante bolognese per «Caruso», ai tempi in cui conduceva il sabato sera di «La bella e la bestia», e i Negramaro con il trombettista Paolo Fresu. Non potevano mancare Luca Carboni, Pierdavide Carone e Marco Mengoni, tutti e tre, anche se in tempi diversi, allevati nella scuderia dei talenti scoperti da Lucio Dalla.

PINO E GIGI - Ci sarà pure la Napoli tanto cara al folletto di via D’Azeglio e avrà la voce di Pino Daniele e Gigi D’Alessio. Non poteva mancare Ron, l’autore di tanti brani di Lucio Dalla, a cominciare dalla hit «Attenti al lupo» e nemmeno gli affezionatissimi Stadio di Gaetano Curreri. Canterà anche un triangolo assortito di donne: Fiorella Mannoia, amica di Dalla dai tempi di «Come è profondo il mare», Gianna Nannini e Ornella Vanoni con la vincitrice di X Factor, Chiara. Farà capolino addirittura il comico Paolo Rossi e poi Zucchero e Renato Zero. Infine le 4 ultimissime e giovani scoperte del cantautore bolognese: Il Cile, Antonio Maggio, Marta Sui Tubi e Paolo Simoni.

Andrea Rinaldi

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cultura/2013/27-febbraio-2013/mengoni-pop-zucchero-blues-tutte-star-pronte-lucio-2114238473888.shtml
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mer Feb 27, 2013 6:23 pm

Mengoni star sulla tv spagnola: con lui Nek e Barbarossa

Ieri sera Marco Mengoni è stato ospite del canale spagnolo “TVE” per decidere con quale brano gli “El Sueño de Morfeo” saranno in gara all’Eurovision Song Contest, a cui parteciperà anche lui come rappresentante italiano. Il vincitore del Festival ha sfoggiato un discreto spagnolo e ha anticipato che alla manifestazione, in programma a maggio in Svezia, potrebbe non portare la versione inglese de “L’essenziale”. La trasmissione ha visto ospiti altri 2 cantanti italiani: Nek che ha cantato con il gruppo iberico “Chocar” e Luca Barbarossa che ha ritrovato Raquel del Rosario (la voce del terzetto, n.d.r.) con cui duettò a Sanremo 2011 in “Fino in Fondo”.

http://www.radioitalia.it/news/evento/5577_mengoni_star_sulla_tv_spagnola%3A_con_lui_nek_e_barbarossa.php
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mer Feb 27, 2013 7:28 pm

Tributo a Lucio Dalla con Zero, Mannoia e Mengoni. Grande assente De Gregori

Praticamente definito il cast per il concerto, in diretta Rai1, del 4 marzo 2012 in Piazza Maggiore a Bologna. Presenta Morandi, poi canteranno, tra gli altri, anche Zucchero, Luca Carboni, Ron, Ornella Vanoni, Marta sui Tubi, Paolo Fresu e Samuele Bersani

Sei piloni alti come il cielo. E una tettoia che potrebbe coprire l’intera Bologna. Piazza Maggiore, zeppa di operai e tecnici del suono in azione, è quasi pronta per ospitare il megaconcerto in memoria di Lucio Dalla che vedrà la luce lunedì 4 marzo proprio nella “piazza grande” che tante volte è stata cantata nelle sue canzoni.

Il tributo al cantautore scomparso a Montreaux il 1 marzo di un anno fa avrà un cast d’eccezione e un presentatore, icona storica della musica bolognese e internazionale vicino a Dalla, come Gianni Morandi.

Sotto la supervisione del produttore televisivo Bibi Ballandi e del manager del cantautore Bruno Sconocchia saliranno sul palco gli artisti più vicini a Dalla come Samuele Bersani, Luca Carboni, gli Stadio e Ron. Ci sarà anche Andrea Bocelli, fresco di esibizione davanti al presidente degli Stati Uniti Barack Obama e Zucchero Fornaciari.

Poi ancora Pino Daniele, Fiorella Mannoia, Marta sui tubi, Gigi D’Alessio, i Negramaro insieme al jazzista Paolo Fresu. E ancora Renato Zero con un brano scritto appositamente per la serata, il fresco vincitore di Sanremo Marco Mengoni, Ornella Vanoni insieme a Chiara (protagonista dell’ultimo Xfactor) e il comico Paolo Rossi. Ovviamente non mancherà l’ultima scoperta di Lucio, Pierdavide Carone. Sul palco con la band di Lucio (quella che lo accompagnò durante l’ultimo concerto a Montreux) ci sarà anche l’orchestra Classica diretta da Beppe D’Onghia.

A riprendere il concerto, che durerà dalle 21 a mezzanotte, saranno le telecamere di Raiuno che trasmetteranno in diretta l’evento. Probabile comunque che l’accesso libero riempirà velocemente la piazza. In aiuto arriveranno così due megaschermi posizionati all’ingresso del ‘crescentone’.

Per motivi logistici e di sicurezza si è invece rinunciato alla parte della diretta prevista in piazza dei Celestini proprio sotto casa di Dalla. Si vocifera, infine, anche un grosso nome che verrà probabilmente presentato il 2 marzo in conferenza stampa, mentre qualche mugugno già si conta per gli assenti più o meno giustificati. A Battiato e Jovanotti impegnati in tour, si affianca la ritrosia per questo genere di concerti di colui che a Lucio deve il rilancio e l’affermarsi di un’intera carriera: Francesco De Gregori.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/27/tributo-a-lucio-dalla-con-zero-mannoia-e-mengoni-grande-assente-de-gregori/514659/#.US5PE6vp7co.twitter
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Gio Feb 28, 2013 3:51 pm

Marco Mengoni: Dall’8 Maggio a Milano l’anteprima de L’Essenziale Tour

Marco Mengoni tornerà presto sul palco per esibirsi per tutti i suoi fan, l’ 8 maggio, infatti, parte da Milano l’anteprima dell’Essenziale Tour 2013, con cui il vincitore di Sanremo 2013 si esibirà nei principali teatri delle città italiane e che lo vedrà impegnato in 7 tappe. L’anteprima dell’Essenziale Tour 2013 sarà l’occasione per ascoltare live anche i nuovi brani di Marco contenuti nell’album #ProntoaCorrere, che uscirà il 19 marzo ed è già il primo album su Amazon in prenotazione. Il nuovo disco contiene 15 brani, tutti inediti, prodotti da Michele Canova e registrati tra Los Angeles e Milano. #ProntoaCorrere sarà disponibile anche in versione deluxe (cd+dvd), che include un esclusivo video backstage con immagini e retroscena inediti dell’esperienza sanremese dell’artista.

Successivamente alla data milanese (8 maggio), Mengoni volerà il 18 maggio a Malmö in Svezia per rappresentare l’Italia di fronte alla platea internazionale dell’Eurovision Song Contest, che verrà trasmessa da Rai2. L’Essenziale Tour, organizzato e prodotto da F&P Group, riprenderà poi a Torino (20 maggio), Genova (21 maggio), Firenze (23 maggio), Padova (24 maggio), Napoli (26 maggio) per terminare il 29 maggio a Roma.

Da martedì 26 febbraio è possibile acquistare il brano “Non passerai”, già al secondo posto nella classifica di iTunes e preceduto da “L’essenziale” che mantiene la prima posizione dal primo giorno di pubblicazione, il 5 marzo sarà il turno di “Bellissimo” e il 12 marzo, invece, “Non me ne accorgo”; tutti scaricabili in anteprima da iTunes. Il 19 Marzo, giorno dell’uscita del disco, chi avrà acquistato almeno una delle tre tracce potrà completarlo ad un prezzo speciale.

Le date dell’anteprima de L’Essenziale Tour :

8 maggio MILANO – TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI
20 maggio TORINO – TEATRO COLOSSEO
21 maggio GENOVA – TEATRO CARLO FELICE
23 maggio FIRENZE – TEATRO VERDI
24 maggio PADOVA – GRAN TEATRO GEOX
26 maggio NAPOLI – TEATRO AUGUSTEO
29 maggio ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

http://www.gingergeneration.it/n/marco-mengoni-dall8-maggio-a-milano-lanteprima-de-lessenziale-tour-108472-n.htm?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=marco-mengoni-dall8-maggio-a-milano-lanteprima-de-lessenziale-tour&utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Gio Feb 28, 2013 3:54 pm

Marco Mengoni tour 2013: date dei concerti nei teatri italiani

Dopo Sanremo e il nuovo album #Prontoacorrere è giunto il momento del Marco Mengoni tour 2013 che vedrà il vincitore del Festival esibirsi in sette concerti nei principali teatri italiani a partire da maggio: si tratta di una succosa anteprima dell’Essenziale tour 2013 che poi proseguirà in estate con moltissime date all’aperto.
Nei concerti della prossima tournée Marco Mengoni presenterà dal vivo i brani tratti dal nuovo album #Prontoacorrere, in uscita il 19 marzo, di cui fa ovviamente parte L’Essenziale, la canzone con cui ha trionfato a Sanremo 2013. Il cd contiene anche Bellissimo, l’altro pezzo sanremese scritto da Gianna Nannini, per un totale di 15 tracce inedite che il cantante di Ronciglione sta già diffondendo alla spicciolata su iTunes Store, ricevendo una portentosa risposta dai suoi fan: pensate infatti che Non Passerai, il primo inedito inserito sul negozio online gestito dalla Apple, in poche ore è già entrato al secondo posto nella classifica dei brani più scaricati, ovviamente dopo L’Essenziale!

E a proposito della canzone che ha fatto vincere Sanremo 2013 a Marco Mengoni, le ultime notizie parlano di numeri stratosferici anche su Youtube: al momento il video ufficiale di L’Essenziale è al primo posto tra i video musicali più popolari in Italia e in una settimana ha già collezionato oltre 4 milioni di visualizzazioni.

Cifre che la dicono lunga sul magic moment di Marco Mengoni, tornato prepotentemente alla ribalta dopo un anno lontano dai riflettori saggiamente trascorso a comporre un album che, viste le premesse, rischia seriamente di segnare un’epoca nella storia della musica leggera italiana. Lo scopriremo tra poche settimane, nel frattempo L’Essenziale continua a dominare la classifica dei singoli e, dopo l’Ariston, ha pure conquistato il disco d’oro.

http://www.musicroom.it/articolo/marco-mengoni-tour-2013-date-dei-concerti-nei-teatri-italiani/37499/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Gio Feb 28, 2013 6:02 pm

Marco Mengoni lancia il tour a maggio
Prima a Milano e poi altre sei tappe: Torino, Genova, Firenze, Padova, Napoli e Roma

17:37 - Parte l'8 maggio da Milano l'anteprima della tournée di Marco Mengoni in 7 tappe. Dopo Milano appuntamento il 18 maggio a Malmö in Svezia per rappresentare l'Italia all'Eurovision Song Contest. L’Essenziale Tour riprenderà poi a Torino (20 maggio), Genova (21 maggio), Firenze (23 maggio), Padova (24 maggio), Napoli (26 maggio) per terminare il 29 maggio a Roma.
L’anteprima dell’Essenziale Tour 2013 sarà l’occasione per ascoltare live anche i nuovi brani di Marco Mengoni contenuti nell’album "#Prontoacorrere" che uscirà il 19 marzo ed è già il primo album su Amazon in prenotazione. Il nuovo disco contiene 15 brani, tutti inediti, prodotti da Michele Canova e registrati tra Los Angeles e Milano. Il disco sarà disponibile anche in versione deluxe (cd+dvd), che include un esclusivo video backstage con immagini e retroscena inediti dell’esperienza sanremese dell’artista. E' già possibile acquistare il brano “Non passerai”, già al secondo posto nella classifica di iTunes e preceduto da “L’essenziale” che mantiene la prima posizione dal primo giorno di pubblicazione, il 5 marzo sarà il turno di “Bellissimo" e il 12 marzo, invece, “Non me ne accorgo”. Tutti scaricabili in anteprima da iTunes. Il 19 marzo, giorno dell'uscita del disco, chi avrà acquistato almeno una delle tre tracce potrà completarlo ad un prezzo speciale. Il singolo L’essenziale, in testa nei download secondo i dati FIMI/Gfk, è già Disco di Platino. Il video ufficiale sul canale Vevo ha superato i 4 milioni di visualizzazioni in meno di due settimane.

L'ESSENZIALE TOUR - 8 maggio MILANO – TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI 20 maggio TORINO – TEATRO COLOSSEO 21 maggio GENOVA – TEATRO CARLO FELICE 23 maggio FIRENZE – TEATRO VERDI 24 maggio PADOVA – GRAN TEATRO GEOX 26 maggio NAPOLI – TEATRO AUGUSTEO 29 maggio ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/articoli/1083982/marco-mengoni-lancia-il-tour-a-maggio.shtml
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Ven Mar 01, 2013 11:24 pm

Le elezioni vinte da Mengoni
di GUIA SONCINI

Sono peggio di un dirigente del Pd. In sedici anni - da quella volta in cui sbadigliavo davanti alla tele dicendo che figuriamoci, chi guarderà mai un programma coi Cugini di campagna - non sono migliorata neanche un po'. Non ho imparato a imparare dai miei errori. Non mi sono fatta una ragione di un dogma semplice: Fabio Fazio la sa più lunga. Se non ti convince taci: nel medio termine, scoprirai di avere torto.

E quindi, i quindici giorni trascorsi dal Festival di Sanremo li ho passati a borbottare che sì, va bene, Al Bano, Cutugno, la Bruni, però non una canzone decente, ma come si fa, non una che "in tutti i luoghi in tutti i laghi", non un Emanuele Filiberto con Pupo, che festival è se non c'è una canzone moschicida che mi resti appiccicata. Poi, sono arrivate le elezioni. Quelle che ha vinto Mengoni, e quindi Fazio.

Ho iniziato a canticchiare il pomeriggio di lunedì, mentre Bersani non si vedeva: "Sostengono gli eroi: se il gioco si fa duro è da giocare". Ho proseguito martedì, mentre i volenterosi elettori del Pd riempivano di insulti quelli che, per la stessa noia che anni fa Corrado Guzzanti attribuiva a Bertinotti, avevano votato Grillo: "Beati loro, poi, se scambiano le offese con il bene". Ho passato quattro giorni con quel manifesto elettorale in forma di ritornello: "Mentre il mondo cade a pezzi, io compongo nuovi spazi e desideri" (se solo qualcuno, magari Fazio, mi spiegasse che desideri sono: giuro che questa volta ascolterò da subito).

Poi, per fortuna, è scattato il revisionismo. Quello per cui adesso sono tutti apertissimi, e da sempre, alle istanze di Grillo; quello per cui io, nel giro di pochi mesi, dirò di averlo sempre detto, che Fazio aveva scelto delle canzoni bellissime. Nel frattempo vado a recuperare, da un Sanremo di Baudo, quella che "Cinque giorni che ti ho perso, troppa gente che mi chiede, scava dentro la ferita".
@lasoncini

http://www.repubblica.it/rubriche/parla-con-lei/2013/03/01/news/elezioni_mengoni-53678343/?ref=twhr&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Sab Mar 02, 2013 9:06 am

Modà, De André, De Gregori e Mengoni: poker d'assi

Torna la stagione degli spettacolo e della grande musica a Genova con sei appuntamenti che riempiranno le serate sotto la Lanterna da qui fino all'estate. Si parte sabato 16 marzo con Giorgio Panariello al Teatro Carlo Felice alle 21 che porta sul palcoscenico il suo nuovo spettacolo «Inmezz@voi!». Scritto dallo showman insieme a Riccardo Cassini, Mario Audino, Walter Santillo e Alessio Taglieno, con la regia di Giampiero Solari, in questa nuova performace Panariello torna a dipingere la realtà con personaggi vecchi e nuovi, per raccontare con ironia vizi, capricci e peccati della nostra Italia. L'attualità e la quotidianità sono ancora le protagoniste dei suoi monologhi, e contribuiscono a fare un affresco del nostro tempo in cui ognuno può ritrovare una parte di se stesso, sorridere e riflettere.
Dopo l'istrione toscano, tocca alla musica leggera con Francesco De Gregori. Stesso teatro, il Carlo Felice, dieci giorni dopo la tappa di Panariello, ecco che il cantautore italiano tra i più apprezzati dal pubblico, si esibirà il 26 marzo alle 21 davanti alla platea genovese con il suo ultimo album «Sulla strada». Ventesimo disco di De Gregori, al quale hanno collaborano, tra gli altri, Nicola Piovani che ha scritto gli archi e diretto l'orchestra in Passo d'uomo e Guarda che non sono io e Malika Ayane che canta con il cantautore in Ragazza del '95 e Omero al Cantagiro.
Giovedì 11 aprile sempre al Carlo Felice si prosegue con Renzo Arbore e l'orchestra italiana, gruppo musicale fondato da Arbore nel 1991 proprio con lo scopo di rilanciare la musica napoletana nel mondo, riproponendola in modo innovativo e utilizzando contaminazioni provenienti da differenti culture e da vari generi (jazz, swing, blues) in una festa di chitarre, mandolini e fisarmoniche.
Il 20 aprile sarà al volta di Cristiano De André che nella sua Genova e sul palco del Carlo Felice con la nuova raccolta di inediti Come in cielo così in guerra, a dodici anni dall'ultimo album di inediti Scaramante. Dal palco dell'Ariston a quello dell'Opera con Raphael Gualazzi che il 21 aprile approda nella Superba con il suo Happy Mistake Tour 2013, un disco che spazia tra l'immancabile amore per il jazz e sfumature soul, gospel, blues, rock e country, attraversando anche diversi idiomi come italiano, inglese e francese.
Anche loro reduci dall'ultima edizione del Festival di Sanremo dove hanno conquistato il terzo posto, i Modà si esibiranno a Genova il 3 maggio, questa volta però al 105 Stadium a Fiumara e non più a teatro.Risale al 14 febbraio l'uscita del loro quinto album di inediti, Gioia. Un album che si accompagna a due singoli, quelli lanciati durante il Festival, Come l'acqua dentro il mare e Se si potesse non morire, quest'ultima passata poi in finale nella città dei Fiori.
A chiudere questa full immersion musicale sarà il vincitore del Festival di Sanremo, Marco Mengoni che si esibirà a Genova il 21 maggio con il suo nuovo album #Prontoacorrere.

http://www.ilgiornale.it/news/genova/mod-de-andr-de-gregori-e-mengoni-poker-dassi-891347.html
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Jazzbianco il Sab Mar 02, 2013 4:40 pm

http://spettacoli.blogosfere.it/2013/03/marco-mengoni-lessenziale-tour-italiano-al-via-primo-concerto-a-milano-l8-maggio.html

Marco Mengoni L'essenziale: tour al via, primo concerto a Milano l'8 maggio

Il nuovo protagonista della musica italiana inaugura un tour che lo porta nelle maggiori città della Penisola

C'era un ragazzo spaurito sul palco dell'Ariston, nel corso di questo Festival di Sanremo. Non era di certo il veterano Fabio Fazio e nemmeno uno dei giovani della sezione collaterale dedicata alle nuove leve.
Si trattava di Marco Mengoni, il vincitore di questa ultima edizione della manifestazione canora con il brano L'essenziale.

Nonostante i suoi sguardi inquieti vaganti per l'aere sanremese, e nonostante un approccio all'esibizione che rasentava la fuga disperata non appena conclusa l'esecuzione musicale, la sua canzone si è dimostrata la più in linea con l'idea tradizionalmente attribuita alla musica del Festival. Un testo che parla di amore, in modo non particolarmente originale ma neanche troppo abusato, una melodia semplice e accattivante e un ritornello deciso, insistito, costruito in modo tale da non uscire dalla mente del pubblico.

Prevediamo dunque che, dopo il grande successo ottenuto il tour di Mengoni farà registrare il tutto esaurito. La tournée segnerà la sua prima tappa l'8 maggio a Milano, al Teatro degli Arcimboldi. La grande macchina produttiva si fermerà poi per consentire a Marco di partecipare il 18 maggio all'Eurovision Song Contest, che si terrà a Malmo, in Svezia.

L'essenziale Tour passerà poi il 20 maggio a Torino, al Teatro Colosseo, il 21 a Genova, al Teatro Carlo Felice, il 23 maggio a Firenze, al Teatro Verdi, il 24 maggio a Padova, al Gran Teatro Geox, il 26 maggio a Napoli, al Teatro Augusteo e infine a Roma il 29, presso l'Auditorium Parco della musica.

I concerti sono ovviamente a supporto del nuovo album #Prontoacorrere, in uscita nei negozi a partire dal 19 marzo. Sono già disponibili all'ascolto il singolo Non passerai e ovviamente il celebrato L'essenziale. A breve invece la diffusione di Bellissimo (pronto il 5 marzo) e di Non me ne accorgo (il 12).

avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Sonsoles il Dom Mar 03, 2013 1:50 am


LA RISCOPERTA DI "CIAO AMORE CIAO" A SANREMO 2013








Luigi Tenco mentre canta a Sanremo "Ciao amore ciao", 1967

A quasi cinquant'anni di distanza, la canzone "Ciao amore ciao" di Luigi Tenco torna sul palco di Sanremo
e sono brividi di autentica emozione e commozione. Una unanime positiva
accoglienza di tutto il pubblico, in sala e televisivo, e finalmente
una "riscoperta" da parte di chi non la conosceva o, a suo tempo, non
l'aveva degnamene apprezzata.
Marco Mengoni l'ha riproposta con profonda sincerità e partecipazione, al punto che tra le cover di Sanremo Story, è stata l'unica ad avere la piena dignità di "canzone" e non di amabile divertissement musicale. Marco Mengoni ha
fatto rivivere la drammaticità musicale e, soprattutto, del testo, fino
a coinvolgere il corpo, con i suoi tremori, la bocca schiumante, lo
sguardo "assente" rispetto alla platea televisiva, ma partecipe di un
empatica identificazione verso il dolore di una'anima sola, oltre le
luci della finzione.
Per tanto tempo abbiamo sempre sentito dire, da parte di cantantii,
critici e personaggi televisivi, che la canzone bocciata in quel
maledetto Sanremo del 1967 non era una bella canzone e che non poteva giustificare il suicidio dell'intransigente cantautore piemontese.
Tenco cantò la sua canzone ad occhi chiusi, con una drammaticità
di stravolta innaturalezza, ma meritava almeno il ripescaggio di quella
giuria ristretta che, anche per calcoli di mercato, aveva preferito una
canzone ruffiana e insulsa come "La rivoluzione".
Per molti anni Tenco ha rappresentato "la cattiva coscienza" di Sanremo e della stessa RAI.
A distanza di anni, ci fu un tardivo omaggio, ma niente a che vedere
con la coraggiosa scelta di riproporre la canzone cantata dal vivo e
proprio dal cantante favorito alla vittoria.







Marco Mengoni mentre canta a Sanremo "Ciao amore ciao", 2013
----salto-------

L'audio della canzone live di "Ciao amore ciao", ( Il video originale sul sito della rai: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media )
----salto----
La versione su disco di Luigi Tenco di "Ciao amore ciao"





…Guardare ogni giorno
se piove o c'e' il sole,
per saper se domani
si vive o si muore
e un bel giorno dire basta e andare via.---










…Andare via lontano
a cercare un altro mondo
dire addio al cortile,
andarsene sognando..





---Saltare cent'anni in un giorno solo,







Luigi Tenco cantò a Sanremo "Ciao amore ciao" insieme alla sua segreta compagna Dalida, la cantante italo-francese che in quelle settimane era al primo posto della classifica italiana con "Bang bang"-


Dalida non aveva bisogno quindi della popolarità di un
palcoscenico, pronto col gioco perverso delle eliminazioni, a rimette
tutto in gioco nel mercato musicale.

Dalida per amore di Tenco, volle accettare questo rischio, che probabilmente aveva lascito nel cuore di Luigi Tenco forse un sottile senso di colpa.

L'esclusione della canzone portò al suicidio di Tenco, e al primo tentativo di suicidio, della stessa Dalida, esattamente un mese dopo la loro esibizione sanremese.

Con amore e anche contro chi non voleva che Dalida tornasse a cantare "Ciao amore ciao" alla televisione italiana, monopolio esclusivo della Rai,
la grande cantante diva internazionale, l'ha sempre riproposta, con una
teatralità gestuale che ancora oggi, nel rivederla in video di archivio
televisivo, trasmette una profonda intensità capace di toccare le
corde più intime dell'anima.

Lo stesso Marco Mengoni ha ricordato che quando ha visto, a distanza di tanti anni, l'interpretazione di Dalida, ha pianto.---salto---

Dalida in una delle sue tante drammatiche riproposizioni di "Ciao amore ciao" nella trasmissione "Senza Rete", 1970.




Quando Dalida cantava "Ciao amore ciao" faceva teatro
delle sue mani nel gesto di nascondere il volto, o di aprirlo alla
maniera antica di pregare, con le braccia spalancate in alto e i palmi
della mani aperte.

Alla fine della sua esibizione, mentre l'orchestra ancora suonava,
girando le spalle al pubblico, prendeva una via di fuga. Quasi per uno
spirituale congiungimento impossibile. Per poi tornare a ringraziare il
suo pubblico, piegandosi, felice di cantare quella tragica canzone
della sua e della vita di Tenco.

(Antonio Miredi)
--salto---
La versione francese di "Ciao amore ciao"

L'amore di Dalida per "Ciao amore ciao" si tradususe anche
con una versione francese della canzone, in cui partecipò alla
stesura del testo. Una versione diversa da quella scritta da Tenco; più che l'aspetto sociale si evidenzia l'aspetto esistenziale dell'incontro fatale di due anime sole: " Noi siamo due ombre e due solitudini..."







Nous sommes deux ombres
Et deux solitudes
Un grand amour sombre
Dans les habitudes
Et l'on ose à peine
Rompre le silence
Mieux vaudrait la haine
Que l'indifférence
Mais je veux vivre vivre
Je veux qu'on m'aime
Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao
Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao

Nous vivons dans du rose
Dans du gris monotone
J'ai besoin d'autre chose
Que d'un chat qui ronronne

Je veux voir le monde
Qu'il soit gai ou triste
Qu'il chante ou qu'il gronde
Pourvu qu'il existe
Je veux voir des villes
Qu'elles soient blanches ou rouges
Et des yeux qui brillent
Et des gens qui bougent
Moi je veux vivre vivre
Comme ceux qui s'aiment
Je te laisse tes livres
La cloche de l'église
La tiédeur de vivre
Dans cette maison grise
Ciao amore...

Paroles: Pierre Delanoé. Musique: L.Tenco 1967 © 1967
Disque Barclay
http://antoniomirediarte.blogspot.it/2013/02/la-riscoperta-di-ciao-amore-ciao.html
avatar
Sonsoles
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 3307
Data d'iscrizione : 14.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Dom Mar 03, 2013 9:04 pm

Dalla, le prove del Concertone.
Samuele Bersani: "Non diventi il Festivalbar"
Piazza Maggiore è già piena di gente per avere un assaggio di quello che si vedrà domani sera. Da Renato Zero a Morandi alla star del momento Marco Mengoni. Ma il pericolo è che si trasformi in una "vetrina", perdendo la natura della festa per Lucio
di ELEONORA CAPELLI

Il concertone per Lucio Dalla ha già riempito Piazza Maggiore, solo con la prova generale. Nel pomeriggio dalle 14,30 sul grande palco allestito davanti al Comune di Bologna si sono esibiti Gianni Morandi con Renato Zero che hanno cantato l'anno che verrà, seguiti da Ron, che ha canto "L'amore ci salverà".

Poi è salita sul palco la star del momento Marco Mengoni cantando un'interpretazione molto sentita e commovente di "Tu non mi basti mai". Ad ascoltare la prove, complice anche la bellissima gionata di sole, c'erano persone sedute ovunque, persino sulle impalcature di San Petronio.

E qualcuno già prevede: "Ci vorrebbero due o tre Piazza Maggiore per il concerto, la piazza sarà troppo piccola per contenerci tutti".

Ron è entusiasta e sa già che sarà una festa strepitosa: "C'è molta elettricità, come piacerbbe a Lucio. C'è una grande voglia di cantare, è un momento importante. Domani sarà una bellissima giornata e anche il bel tempo ci aiuterà".

La polemica: "Non trasformiamolo nel Festivalbar". Samuele Bersani, tra le star sul palco, dà il là a una piccola polemica. "Non facciamolo diventare un evento troppo televisivo, non trasformialo in un Festivalbar. Ho sentito che alcuni vogliono fare canzoni proprie, ma non si può. Che ci stiamo a fare allora?". Rincara la dose, stavolta su facebook Marta sui tubi, che ha rinunciato a esserci e spiega perché: "A malincuore abbiamo deciso di non partecipare: gli organizzatori avevano riservato un'apparizione mortificante per noi, per il rapporto che avevamo con Dalla, per il percorso artistico che avevamo costruito con lui. Non vogliamo partecipare per elemosinare briciole di visibilità eseguendo una canzone insieme ad artisti che nulla hanno avuto a che fare con Lucio. Se questo deve essere l'omaggio, allora preferiamo brindare da casa al piccolo grande uomo che tanto ci ha insegnato, umanamente e artisticamente. Qualcosa ci dice che lui stesso avrebbe sostenuto la nostra scelta e che, probabilmente, sarà con noi ad alzare il calice per questo suo compleanno".

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2013/03/03/news/concertone_dalla_i_preparativi-53787404/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Lun Mar 04, 2013 11:54 am

La prove di Marco Mengoni per il concerto di stasera

Marco Mengoni, reduce dal successo conseguito al Festival di Sanremo, parteciperà stasera al grande evento organizzato in Piazza Maggiore a Bologna in memoria di Lucio Dalla. Il vecchio e il nuovo stasera sono chiamati in piazza per ricordare un grande artista ed un poeta che ha dato un immenso contributo alla musica italiana. Marco Mengoni stasera rappresenterà le nuove generazioni affiancando artisti del calibro di Zucchero e Fiorella Mannoia quasi a voler dimostrare quanto la musica di Lucio Dalla non abbia età.

Questo fine settimana c’è stato grande fermento a Bologna in quanto, i numerosi artisti che canteranno stasera, si sono riuniti per le prove generali. Subito una folla di fan impazzite si è accalcata per assistere alle prove di Marco Mengoni e riuscir a strappare, perché no, un autografo. Vi forniamo un breve video che propone l’esibizione di Marco Mengoni sulle note di Tu non mi basti mai.

La gente era accalcata ovunque, addirittura sulle impalcature di San Petronio, ad ascoltare un Marco Mengoni intenso, capace di commuoversi e, perché no, piangere, così come lo abbiamo visto intenso e commosso sul palco dell’Ariston.

Non sono previste esibizioni degli artisti in canzoni personali, solo ed esclusivamente testi di Lucio Dalla; quello di stasera non sarà un Festivalbar, tanto meno il Concerto per l’Emilia: si tratterà di un omaggio a Lucio Dalla in occasione di quello che sarebbe stato il suo 70 esimo compleanno.

http://www.optimaitalia.com/blog/2013/03/04/la-prove-di-marco-mengoni-per-il-concerto-di-stasera-video-e-foto/61016
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Lun Mar 04, 2013 1:29 pm

Chi vince Sanremo fallisce nelle vendite? Mengoni è l'eccezione che smentisce la regola

Il cantante di Ronciglione non solo ha conquistato il primo posto della kermesse canora, ma sta anche riscuotendo ottimi risultati nella classifica iTunes dei singoli piu’ venduti.

Strano a dirsi poichè non accade spesso che gli artisti che hanno ottenuto le prime posizioni sul podio del Festival di Sanremo siano anche in testa alla classifiche degli album più venduti.

Quest’anno, però, pare che il podio sanremese rispecchi alla perfezione i gusti degli italiani, e così Marco Mengoni, (vincitore del 63° Festival della canzone italiana con il brano“L’essenziale”), e i Modà, (che con la canzone “Se si potesse non morire” si sono classificati al terzo posto), dominano in questi giorni le classifiche relative alle vendite nelle prime 3 settimane post-festival.

Mengoni, con il brano “L’essenziale”, guida anche la classifica delle vendite dei single su iTunes, seguito dai Modà che si piazzano al secondo posto con “Se si potesse non morire”.

Finalmente qualcuno ha sfatato la "maledizione sanremese"!... Vai Marco continua così!

http://www.abruzzo24ore.tv/news/Chi-vince-Sanremo-fallisce-nelle-vendite-Mengoni-e-l-eccezione-che-smentisce-la-regola/113732.htm
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Tulip il Lun Mar 04, 2013 6:55 pm

Ma dai questo è un quotidiano di Arte e Cultura che leggo spesso...mi sono ritrovata in bacheca l'articolo consigliato ....ma grazie..intenditori !
Pure la foto, notevole...ma non sarà di Liz

Marco Mengoni per il concerto di Lucio Dalla, le prove.

Le prove rubate dell'esibizione di questa sera dedicata a Lucio Dalla. Marco Mrngoni canterà.....


Marco Mengoni prova Meri Luis, il brano di Lucio Dalla del 1980 tratto dall’album Dalla. Le immagini sono state riprese da un passante e mostrano un lontanissimo Mengoni intento a interpretare al meglio la storica canzone di Lucio Dalla.

L’appuntamento con i concerto omaggio per Lucio Dalla, è per questa sera in diretta su RaiUno in prima serata.

(segue video delle prove di ML che gira da ieri)
avatar
Tulip
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 3309
Data d'iscrizione : 10.10.10
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Jazzbianco il Lun Mar 04, 2013 7:25 pm

http://www.musicpost.it/4-marzo-concerto-bologna-compleanno-lucio-dalla/4110/



Stasera, in diretta su Rai1 da Piazza Maggiore – Bologna – il concerto in omaggio a Lucio Dalla, nel giorno del suo settantesimo compleanno

Poche ore, e Piazza Maggiore a Bologna sarà ancora una volta Piazza Grande. Perché qui, in questa piazza al centro di Bologna, ci si potrà finalmente perdere, appresso ai ricordi, appresso alle emozioni.

Il concerto organizzato in occasione del settantesimo compleanno di Lucio Dalla verrà aperto da Gianni Morandi che duetterà con il suo amico di sempre sulle note di Vita, la canzone che ha presentato DallaMeriCaruso, album del 1986 in cui è inclusa anche Caruso, stasera cantata da Andrea Bocelli.

Un album, questo, registrato dal vivo, che conteneva altre celebri canzoni, come Futura – stasera ricordata da Mario Biondi – e L’Anno che Verrà, che rumors più o meno attendibili affidano al duetto Gianni Morandi-Renato Zero.

Di Renato Zero, però, si attende la sua Lù, canzone inedita scritta appositamente per questo giorno, per questo concerto, un evento che tutto vuole essere tranne che evento in sé, ma solo un incontro di amici vecchi e nuovi chiamati a raccolta per rendere tangibile, magari ai più giovani, quanto immortali siano certe “canzonette”.

“Canzonette” come Il Cielo e Felicità, la prima (bellissima) del 1968, la seconda – altrettanto magica – nata vent’anni dopo, entrambe ricordate questa sera da Giuliano Sangiorgi insieme con uno scampolo di Negramaro: e già qui possiamo iniziare a pensare che sarà davvero un momento da incorniciare.

Così come sarà preziosa l’esibizione di Samuele Bersani, Luca Carboni e Ron che insieme ricorderanno Canzone (1996) e Cosa Sarà (1979), anche questi brani che ci riportano a memorie di giorni ben precisi vissuti in compagnia della voce del grande musicista.

E sebbene il titolo sia quello che si ricorda con più fatica, di Henna (1993) basteranno le prime note affinché le parole del testo arrivino da sole. Sarà Ron a cantare stasera quella che Lucio più volte disse come una tra le sue canzoni preferite.

“La più bella che io abbia scritto” (ha detto, ma crediamo solo per un ritorno di fiamma momentaneo, ché pensiamo non riuscisse a fare davvero una classifica tra le sue “figlie”) è Meri Luis, del 1980, recentemente reincisa in duetto con Marco Mengoni. E al giovane talento è stata affidata, insieme con Tu Non Mi Basti Mai (1996): memori della recentissima prova d’artista del cantate laziale a Sanremo con Ciao Amore Ciao, non dubitiamo che qui avremo ancora un’altra bellissima emozione.

Ornella Vanoni, in coppia con Chiara Galiazzo, affronterà la malinconica Quale Allegria, del 1977, ( ) mentre agli Stadio toccherà ricordare, giustamente, L’Ultima Luna (1979), affresco surreale che avrà l’omaggio della tromba di Paolo Fresu.

Tanti saranno gli artisti a salire sul paco, tra poche ore, che sono riusciti a mantere le loro canzoni nel reparto “sorprese”: a cominciare da Zucchero, e poi Fiorella Mannoia, Pierdavide Carone (Nanì?), Pino Daniele, Gigi D’Alessio, Stefano Di Battista, Il Cile, Antonio Maggio e Paolo Simoni (Io sono io e tu sei tu?).

Manca poco, ormai. Fortunati coloro che saranno in piazza, ma a tutti sarà possibile partecipare a questa grande festa dato che il concerto sarà trasmesso in diretta su Rai1 a partire dalle 21,10 (in streaming sul sito della Rai).
avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 12:56 am

Marco Mengoni, Gianni Morandi e tanti amici per Lucio Dalla

4 Marzo 2013: oggi Lucio Dalla avrebbe compiuto 70 anni, se un infarto non se lo fosse portato via, vero e proprio fulmine a ciel sereno, il 1 Marzo dello scorso anno, a tre giorni dal suo compleanno. Il vuoto che la sua musica e la sua personalità hanno lasciato in chi lo ha conosciuto personalmente, ma anche in chi lo ha solo ascoltato cantare o visto in TV, è ben lontano dall'essere colmato, e forse non lo sarà mai. E' per questo che stasera Piazza Maggiore a Bologna, la sua "Piazza Grande", è stata inondata da una fiumana di occhi, mani, orecchie, bocche e soprattutto cuori che hanno battuto all'unisono con quelli dei suoi amici, che, dal palco costruito per l'occasione, lo hanno ricordato e omaggiato con la musica.

Fra di loro c'era anche il nostro Marco Mengoni, che ha regalato la sua splendida voce a "Tu non mi basti mai", uno dei brani più delicati del repertorio di Lucio. A introdurre e ad accompagnare il canto di Marco è stato il sax soprano del grande Stefano Di Battista, uno dei più quotati jazzisti del nostro Paese, che il grande pubblico conosce soprattutto per le sue partecipazioni a Sanremo con la moglie Nicky Nicolai. Una fusione perfetta e preziosa, quella della voce di Marco con le note raffinate di Stefano.

Verso la fine della serata, Marco è poi tornato sul palco per una decisa e sentita versione di "Meri Luis", brano storico di Dalla che, nel 2011, è stato reinciso da Lucio proprio in duetto con Marco, e in questa versione inserito nel CD "Questo è amore".

Presentatore della serata, un'altra vecchia conoscenza eurovisiva: Gianni Morandi, che con Lucio Dalla ha condiviso anni di grande amicizia e un LP, "Dalla-Morandi" del 1988, che è stato in testa alle classifiche di vendita dando vita a un fortunatissimo tour. Oltre a presentare, Gianni ha ovviamente cantato alcuni successi di Dalla: "Vita", il duetto di punta dell'LP di cui abbiamo appena detto, "L'anno che verrà" in coppia con Renato Zero e "4/3/1943" insieme ad Andrea Bocelli, concludendo poi la serata, insieme a Marco e agli altri partecipanti, con "Piazza Grande" eseguita alla chitarra.

http://www.ogaeitaly.net/2013/03/marco-mengoni-gianni-morandi-e-tanti.html
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 1:04 am

Lucio Dalla e il 4 marzo indimenticabile

Quello che resta della grande serata dedicata a Lucio Dalla è la consapevolezza che lui vive ancora nei bolognesi. La speranza, adesso, è che ogni 4 marzo possa avere una festa come questa.

Sanremo 1972, Lucio Dalla è alla quarta volta a Sanremo con un brano dedicato ad un senzatetto realmente esistito. E’ Piazza Grande. E si apre così la serata evento in memoria del cantautore bolognese, Gianni Morandi apre con Vita, canzone scritta e interpretata proprio con l’amico di una vita. La sua voce è rotta, commossa. Non passa nemmeno troppo tempo che già si capisce che lui è ancora in mezzo a noi, basta vedere quanta gente c’è, quasi centomila ad applaudire.

Quando entra Renato Zero è un colpo all’anima. Il signore della canzone italiana si esibisce in una misurata versione de L’anno che verrà, duettando proprio con Morandi, ed impressiona quando si lancia nello scat alla Lucio. Poi canta Lu, canzone che ha dedicato proprio a lui, “il mio applauso a te” recita la canzone. L’universo di Lucio è tutto in piazza, i suoi amici, quelli di vecchia data e quelli più giovani come Marco Mengoni. C’è il Bologna, c’è Iskra Menarini, la sua storica corista, che si esibiscono in una quasi comica Attenti al lupo.

Lo spettacolo è stato privo di momenti statici, coinvolgente in ogni suo momento, soprattutto per quella che è stata la prima parte. Anche quando fa storcere il muso nel sentire alcuni artisti non proprio “in parte” con i pezzi assegnati, il tributo tiene bene. E’ troppo facile, in questo senso, prendersela con il solo Gigi D’Alessio per aver cantato una Disperato Erotico Stomp che forse sarebbe stato meglio non toccare affatto. La verità è che risulta difficile muovere delle critiche ad un tributo realizzato con l’amore per l’uomo, l’artista, la guida. Lucio romanziere, Lucio guascone, Lucio amante ed amato. Marco Alemanno dall’alto della Basilica di San Petronio a recitare Tutta la vita e gli storici brani di Roversi.

Una menzione speciale a Samuele Bersani che, con profondo rispetto, ha interpretato Canzone, scritta da lui e musicata da Lucio Dalla. Lui è uno di quelli che più di tutti ha sentito l’assenza dell’artista bolognese, uno di quelli che viene da Via Pescherie Vecchie, una di quelle strade di Bologna che parla sempre e solo di lui. Marco Mengoni si conferma un perfomer eccellente. La sua Meri Luis (contenuta anche nell’ultimo album pubblicato da Lucio prima di morire, Questo è amore, è eccezionale.

Le storture, ribadisco, ci sono state. Come quelle di alcuni interpreti che sono apparsi, spudoratamente si faccia attenzione, imposti dalle major. Del resto il pubblico, nella sua sincerità, è stato sovrano anche in questo caso. A quanti sono apparsi forzati e messi lì, la Piazza Grande di Lucio, non ha risparmiato fischi. Sul complesso dell’evento, la speranza è che adesso ogni 4 marzo si possa andare a Bologna, quasi in pellegrinaggio, per una grandissima serata di festa. Evviva Lucio.

http://music.fanpage.it/lucio-dalla-e-il-4-marzo-indimenticabile/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 1:06 am

Lucio Dalla, 4 marzo un anno dopo: il concerto a Bologna per ricordarlo

BOLOGNA – 4 marzo 2012. 4 marzo 2013. Stessa piazza. Stesse facce di gente comune di tutte le età e di grandi della musica. Ma un clima completamente diverso. Dove c’era la compostezza e il dolore, oggi, un anno dopo, c’è l’allegria del ricordo. Qui, nella corte del palazzo comunale, scorrevano in migliaia per salutarlo per l’ultima volta.

Ora, trasformata in backstage è il luogo di capannelli per aneddoti e di clarinetti che si scaldano. Camminatoio per artisti che nervosamente aspettano il turno per dire il loro ‘Buon compleanno Lucio’. E’ ’4 marzo’, il tributo a Lucio Dalla da Piazza Maggiore a Bologna, in diretta su Rai1, nel giorno in cui avrebbe compiuto settant’anni e a un anno esatto dai funerali in San Petronio.

Maestro di cerimonie, lo stesso Lucio Dalla, che dalle pareti della piazza incombe su ogni parola, su ogni nota. Prima, giovane e poco conosciuto cantante al Festival di Sanremo del ’72 introdotto da Mike Bongiorno nella sua prima presentazione all’Italia di ‘Piazza Grande’; poi, istrionico cantante di ‘Malafemmina’ con una testa di cavallo; oppure spalla di Dario Fo in un suo Gramelot. Nel mezzo, sul grande palco che copre quasi per intero un lato della piazza, si sono alternati amici e colleghi di lunga o breve data.

C’è Gianni Morandi, ovviamente, abito scuro, gli occhi spesso rivolti al cielo. Renato Zero, che dopo aver duettato con Morandi nell’Anno che verrà urla alla piazza che ”Lucio è ancora qui” prima di cantare ‘Lu’, brano inedito dedicato a Dalla. C’e’ Marco Mengoni, neo vincitore a Sanremo, che ha eseguito in maniera impeccabile ‘Tu non mi basti mai’.

C’e’ l’ironia dei calciatori del Bologna, in fila uno accanto all’altro, a ballare ‘Attenti al lupo’. Ad accompagnare tutti, la giovane orchestra ‘Dalla Classica’, nata anche lei nel nome del cantautore bolognese e diretta dal suo storico collaboratore Beppe D’Onghia.

In piazza si canta e si battono le mani, dopo qualche polemica tra coloro che erano fin dalle prime ore del pomeriggio dietro le transenne e il pubblico del parterre. Non è bastato a rovinare il clima di festa che ha avvolto tutto il centro storico intorno a Via D’Azeglio, la strada dove Dalla abitava e che anche oggi lo ha salutato, con le sue canzoni in filodiffusione prima del concerto.

Un grande applauso ha accompagnato la lacrima di Fiorella Mannoia (che prima, con Giuliano Sangiorgi, aveva cantato ‘Anna e Marco’) che non ha avuto bisogno di trattenersi durante la sua esecuzione di ‘Cara’. Prima, in questa altalena di emozioni, si erano esibiti Zucchero, dal sagrato di San Petronio con la sua ‘Ave Maria’; Andrea Bocelli, con ’4 marzo 1943′ e con l’inciso, a voce nuda, di ‘Caruso’, mentre a cantarla tutta, con grande delicatezza, è stato poco dopo Pino Daniele. Sul lato dell’allegria, un Samuele Bersani in versione post adolescente, giaccone con le macchie e jeans, aveva cantato ‘Canzone’ dopo un lungo avanti e indietro nel backstage, dall’alto di una finestra Marco Alemanno ha letto brani del poeta Roberto Roversi. Un lungo saluto. Una festa di compleanno con decine di migliaia di invitati. Che si concludera’, quando questo 4 marzo sara’ gia’ alle spalle, con tutti gli artisti insieme sul palco a cantare, inevitabilmente, ‘Piazza Grande’.

http://www.blitzquotidiano.it/musica-showblitz/lucio-dalla-4-marzo-anno-dopo-il-concerto-1493695/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Jazzbianco il Mar Mar 05, 2013 2:08 am

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2013-03-04/piazza-grande-abbraccia-lucio-223618.shtml?uuid=Abn9acaH

Piazza Grande abbraccia Lucio Dalla con Morandi, Bocelli e Zucchero

di Francesco Prisco

Per Lucio Dalla non c'era differenza tra musica alta e musica bassa, arte e cultura popolare, professione di strumentista e divertimento. E così il concerto-festa che a Bologna - nella «sua» piazza Maggiore colma all'inverosimile di fan e curiosi – a un anno dalla scomparsa celebra quello che sarebbe stato il suo settantesimo compleanno unisce Gianni Morandi e un'orchestra d'archi, il jazz di Stefano Di Battista e la voce di Marco Mengoni, video d'epoca con i primi passi del Lucio nazionale e persino un «numero» del Bologna calcio.

La serata si apre con un rvm del 1972: è Mike Bongiorno che presenta Lucio a Sanremo (definendolo «l'uomo dal berretto d'oro») con «Piazza Grande», quindi Gianni Morandi, presentatore d'eccezione dell'evento, duetta con l'amico grazie a un video, sulle note di «Vita». Stesso effetto dell'operazione «Unforgettable» che, all'inizio degli anni Novanta, affiancò Nat King Cole alla figlia Nathalie. «Cia Lucio: la tua piazza. Piazza Maggiore, piazza grande. Secondo noi non c'è modo migliore per festeggiarti, essere qui e cantare tutti insieme le tue canzoni, tutta Bologna, tutta la piazza, tutta Italia ti dice buon compleanno Lucio», dice dal palco l'ex golden boy di Monghidoro.

Un po' enfatico il duetto Morandi-Renato Zero per «L'anno che verra». Sul finale provano anche a cimentarsi con lo scat, arte in cui zio Lucio era insuperabile. Il cantautore romano, bombetta chapliniana in testa, forse per problemi tecnici in playback presenta poi il brano inedito «Lu» dedicato proprio a Dalla: «A te dedicherò/ le idee/ gli slanci che avrò». Il jazzista Stefano di Battista, in un mosaico tra video e musica, incrocia il proprio clarino con quello di Lucio in una suggestiva improvvisazione con accompagnamento orchestrale. Si finisce in «Tu non mi basti mai», interpretata dal fresco vincitore di Sanremo Marco Mengoni. E l'applauso esce fuori facile. «Lucio come strumentista – dirà Di Battista dal palco – era straordinario». Morandi presenta l'orchestra Dalla Classica e la band storica di Lucio. Poi il momento dell'intera squadra del Bologna Calcio che improvvisa il balletto di «Attenti al lupo», condotto da Morandi e Iskra Menarini.

Non manca la maglia rosso-blu indossata da Alessandro Diamanti con sopra i numeri a comporre la scritta 4 marzo 1943. Mister Stefano Pioli dedica la vittoria contro la Fiorentina al festeggiato della serata: «Era uno di noi». Sul sagrato di San Petronio Zucchero si esibisce accompagnato da un coro gospel in «Ave Maria No Morro». L'interpretazione è buona, ma viene in mente la polemica della vigilia nata attorno alle parole di Samuele Bersani per la scelta di mettere in scaletta anche qualche brano non scritto da Dalla. «Nessuna polemica – ha spiegato Bersani ai cronisti dietro al palco - sono stato frainteso, io parlo per amore, forse dovevo essere più democristiano ma ho il cuore "scemo", non c'è nessun rischio che questa serata diventi un Festivalbar». Quindi è la volta di Adrea Bocelli che, in duetto con Morendi, si cimenta con il testo sacro di «4 marzo 1943». Il grande amore di Lucio per la canzone napoletana viene enfatizzato dalla cover di «Malafemmena» eseguita dal tenore pisano che fu suo amico. Che improvviserà il ritornello di «Caruso».
avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Jazzbianco il Mar Mar 05, 2013 6:47 am

http://www.grr.rai.it/dl/grr/notizie/ContentItem-b7d5e454-3d2b-4bb7-9516-d9701202f29c.html

A Bologna concerto evento nella data in cui l'artista avrebbe compiuto 70 anni
La 'sua' Piazza Grande celebra Lucio Dalla

In migliaia hanno voluto abbracciare ancora una volta il cantante bolognese: una Piazza Maggiore gremita ha cantato sulle note delle sue canzone, accompagnate dalle voci di tanti amici. Il concerto omaggio organizzato dalla Rai nel primo anniversario della scomparsa e nel giorno in cui avrebbe compiuto 70 anni, ha visto alternarsi sul palco da Bocelli a Zucchero, da Pino Daniele a Renato Zero, da Gigi D'Alessio a Samuele Bersani, al Bologna calcio, con Gianni Morandi a fare da manovratore
Piazza Maggiore a Bologna
BOLOGNA -

4 marzo 2012. 4 marzo 2013. Stessa piazza. Stesse facce di gente comune di tutte le età e di grandi della musica. Ma un clima completamente diverso. Dove c'era la compostezza e il dolore, ieri sera, un anno dopo, c'è stata l'allegria del ricordo. Un vero successo '4 marzo', il tributo a Lucio Dalla da Piazza Maggiore a Bologna, trasmesso in diretta su Rai1, nel giorno in cui l’artista avrebbe compiuto settant'anni e a un anno esatto dai funerali in San Petronio.

Maestro di cerimonie, lo stesso Lucio Dalla, che dalle pareti della piazza ha vegliato su ogni parola e su ogni nota. Prima, giovane e poco conosciuto cantante al Festival di Sanremo del '72 introdotto da Mike Bongiorno nella sua prima presentazione all'Italia di 'Piazza Grande'; poi, istrionico cantante di 'Malafemmina' con una testa di cavallo; oppure spalla di Dario Fo in un suo Gramelot. Nel mezzo, sul grande palco che copre quasi per intero un lato della piazza, si sono alternati amici e colleghi di lunga o breve data.

C'è Gianni Morandi, ovviamente, abito scuro, gli occhi spesso rivolti al cielo. Renato Zero, che dopo aver duettato con Morandi nell'Anno che verrà urla alla piazza che “Lucio è ancora qui” prima di cantare 'Lu', brano inedito dedicato a Dalla. C'è Marco Mengoni, neo vincitore a Sanremo, che ha eseguito in maniera impeccabile 'Tu non mi basti mai'. C'è l'ironia dei calciatori del Bologna, in fila uno accanto all'altro, a ballare 'Attenti al lupo'. Ad accompagnare tutti, la giovane orchestra 'Dalla Classica', nata anche lei nel nome del cantautore bolognese e diretta dal suo storico collaboratore Beppe D'Onghia.

In piazza si canta e si battono le mani, dopo qualche polemica tra coloro che erano fin dalle prime ore del pomeriggio dietro le transenne e il pubblico del parterre. Non è bastato a rovinare il clima di festa che ha avvolto tutto il centro storico intorno a Via D'Azeglio, la strada dove Dalla abitava e che anche oggi lo ha salutato, con le sue canzoni in filodiffusione prima del concerto.

Un grande applauso ha accompagnato la lacrima di Fiorella Mannoia (prima, con Giuliano Sangiorgi, aveva cantato 'Anna e Marco') che non ha avuto bisogno di trattenersi durante la sua esecuzione di 'Cara'. Prima, in questa altalena di emozioni, si erano esibiti Zucchero, dal sagrato di San Petronio con la sua 'Ave Maria'; Andrea Bocelli, con '4 marzo 1943' e con l'inciso, a voce nuda, di 'Caruso', mentre a cantarla tutta, con grande delicatezza, è stato poco dopo Pino Daniele. Sul lato dell'allegria, un Samuele Bersani in versione post adolescente, giaccone con le macchie e jeans, aveva cantato 'Canzone' dopo un lungo avanti e indietro nel backstage, dall'alto di una finestra Marco Alemanno ha letto brani del poeta Roberto Roversi. Un lungo saluto. Una festa di compleanno con decine di migliaia di invitati. Che si è chiusa quando questo 4 marzo era già alle spalle, con tutti gli artisti insieme sul palco a cantare, inevitabilmente, 'Piazza Grande'.
avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 8:15 am

“Piazza Grande” canta
in coro con Lucio Dalla


Festa di popolo e duetti virtuali
con Dario Fo e Morandi
ieri al concertone di Bologna
in ricordo del cantautore
marinella venegoni
bologna

«Ciao Lucio, la tua piazza, Piazza Grande. La tua musica è vita, ci accompagnerà sempre», dice Morandi con il pianto in gola. Cerca di tirarsi su nell’Anno che verrà, in duetto con Renato Zero che arriva in bombetta. Quante volte l’abbiamo cantata tutti, nei Capodanni? Quante volte è uscita dalle nostre gole, nei momenti difficili?

Poi il Re dei Sorcini ha in serbo una sorpresa. «Sotto tutto quel pelo spero che non sentirai freddo», canta in Lu: un pezzo naif, dedicato proprio a Lucio, dal prossimo album. Poi, con il sax guizzante di Stefano di Battista, arriva subito Marco Mengoni: bisognerà pur dare fiato ai fans che son lì dalla mattina, ormai assiderati si pensa. Quando canta le canzoni altrui, Mengoni si ricompone. Tutto fila liscio, c’è una botta di sentimento con Ave Maria no morro davanti a San Petronio, Zucchero con i mezzi guanti e coro gospel ha scritto un testo proprio per Dalla: lo definisce «Arcobaleno acceso in ciel», un altro Lucio arcobaleno, dopo il Battisti immaginato da Mogol per Celentano. Ecco Bocelli in Gesù Bambino. Un’infilata di star.

E’ una diretta tv. Si guarda all’amato calcio, ai grandi nomi, ma anche alla vita quotidiana di Lucio: sul palco suona l’Orchestra Classica Dalla, diretta dal suo direttore di sempre Beppe D’Onghia; e ci sono i suoi compagni storici di band, Ricky Portera il bellone chitarrista dalle eterne braghe di pelle, e la sua corista immensa Iskra Menarini, da un balcone spunterà Marco Alemanno, a declamare ispirato versi di canzoni: sono tutti i suoi parenti veri, quelli con i quali ha diviso la vita di tutti i giorni. Grande Lucio.

Una festa di popolo la senti, subito, dall’intensità delle facce di tutte le età, dai capelli dritti e dalle rughe, dal calore che sale dai 30 mila malgrado Bologna sia stata davvero inclemente ieri nel suo gelo solare. Stavano attaccati l’uno all’altro per scaldarsi, qualcuno non è nemmeno andato a cena per non perdere il posto, e godersi il grandioso compleanno di Dalla. Ieri, San Lucio, 4-3-13, il piccolo grande uomo che l’Italia sembra aver riscoperto dopo la morte improvvisa e sbalorditiva per tutti del primo marzo 2012, avrebbe compiuto 70 anni: e chissà se da lassù ha festeggiato godendosi lo spettacolo davvero di popolo, a pochi passi da casa sua, e nelle case di milioni di italiani in quattro ore di diretta su Raiuno: è uno dei primi eloquenti nuovi passi della direzione di Giancarlo Leone, cultura&spettacolo&memoria intrecciati per restituirci un pezzo di storia condivisa di tempi meno peregrini.

E’ stato un gesto d’amore, il concertone. Nato non dagli eredi di un patrimonio che si dice si aggiri sui 100 milioni di euro, quei 9 cugini dei quali non sono noti gli intendimenti né la volontà di creare una Fondazione come da più parti si auspica; a pensare che ieri bisognava tributare il giusto omaggio a Lucio Dalla furono il giorno stesso del suo funerale il pugno di amici e collaboratori di sempre, rimasti orfani di un formidabile compagno di lavoro, avventure, risate. Lo racconta l’autore Giampiero Solari: «Nel dolore assoluto, davanti alla bara, ci siamo detti: “Fra un anno dobbiamo fare un esorcismo, esorcizzare il dolore”». Bibi Ballandi, l’impresario che ha messo su la kermesse con F&P alla produzione, il manager Bruno Sconocchia, il suo ufficio stampa Michele Mondella e molti altri hanno costruito il ricordo come una festa viva e tutt’altro che funebre, condotta a tratti dallo stesso Lucio con l’ampio ausilio di registrazioni di varie epoche e con duetti virtuali, per ripercorrere le proprie mattane e i propri capolavori.

E’ stato Dalla stesso ad aprire la serata con Piazza Grande, nella versione 1972, al Festival presentato dal sior Mike e Sylva Koscina. Ma la serata ha ricordato suoi momenti topici di cantautore, jazzista, istrione puro: eccolo nella gag dello smontaggio del clarinetto, notissima, che usò come lectio magistralis quando gli diedero la laurea honoris causa; ecco l’omaggio al tifoso, con Morandi presidente del Bologna, e i giocatori che ballano Attenti al lupo. Gli unici raccordi sono stati affidati proprio all’amico di sempre Gianni Morandi, fra Vita che fu il frutto di un tour comune di grande successo e duetti che hanno abbracciato un repertorio sterminato.

Amici e colleghi hanno fatto la fila per esserci. I giovani: Pierdavide Carone in Se io fossi un angelo, Il Cile, Simoni e Maggio in Com’è profondo il mare, Chiara con la Ornellina Vanoni in Chissà se lo sai; i classici: Pino Daniele in Caruso, Mario Biondi in Futura, Fiorella Mannoia in Cara, Ron nella più amata, Henna. Dalla e Dario Fo in uno scambio gramelot, Paolo Rossi in Milano. Inspiegabile D’Alessio ardito in Disperato erotico stomp. I bolognesi: Luca Carboni in Quale allegria, Samuele Bersani nella sua Canzone, gli Stadio nell’Ultima Luna: E il Guccinone, da Pavana, a ricordare le follie della gioventù e del Sangiovese.

http://lastampa.it/2013/03/05/spettacoli/piazza-grande-canta-in-coro-con-lucio-dalla-ErlPh0oNAl9pGtLX0yBqEP/pagina.html
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 9:35 am

4 marzo: il concerto per Lucio Dalla su Raiuno, minuto per minuto

Piazza Maggiore per Lucio Dalla. Bologna sarà la cornice per il grande concerto live che vedrà protagonista la più bella musica del cantautore che oggi 4 marzo 2013, a un anno dalla scomparsa, avrebbe compiuto 70 anni.

Sul palco troveremo Samuele Bersani, Mario Biondi, Andrea Bocelli, Luca Carboni, Pierdavide Carone, Pino Daniele, Gigi D’Alessio, Stefano Di Battista, Fiorella Mannoia, Marco Mengoni, Gianni Morandi.

E ancora: Giuliano Sangiorgi, Andrea Mariano e Emanuele Spedicato dei Negramaro con Paolo Fresu, Ron, Paolo Rossi, Stadio, Ornella Vanoni e Chiara Galiazzo, Renato Zero, Zucchero.

Reduci da Sanremo 2013, anche Antonio Maggio, Paolo Simoni, il Cile. Naturalmente non mancherà Marco Alemanno, compagno di Dalla, con i testi più belli del suo repertorio.

21.15 – Eccoci, pronti per la diretta. Il concerto «4 marzo» sta per cominciare, con un lungo filmato di Sanremo 1972, dove cantava «Piazza Grande», una delle sue canzoni più belle, amate e emozionanti. I suoi occhi, quel modo di cantare, hanno sempre lo stesso fascino.

21.17 – Gianni Morandi apre la serata (e la conduzione) con «Vita», cantato «insieme» a Lucio Dalla. Sugli edifici che circondano la piazza principale di Bologna, vengono proiettati foto e video dell’artista. Gianni Morandi è molto emozionato, si commuove sul finale e apre la conduzione della serata.

21.22 – Arriva sul palco Renato Zero con il brano «L’anno che verrà», canta insieme a Morandi. Renato poi parla e chiama Bologna «la città della musica, un titolo che si merita». Il ritorno sul palco di Renato è sentito, commovente, con il nuovo brano inedito «Lu», lascia il palco con un bacio. Segue un altro omaggio video e l’arrivo del sassofonista Stefano di Battista, vi ricordate la sua partecipazione a Sanremo 2005?

21.34 – È il momento di Marco Mengoni! Con l’accompagnamento di Stefano di Battista canta «Tu non mi basti mai», del 1996. L’esibizione di Marco è allegra, piena di sentimento positivo. «Una montagna di amore avvolge questa piazza»: è con questa parole che di Battista saluta il pubblico.

21.40 – All’interno dell’orchestra sono presenti non solo giovanissimi orchestrali, ma anche la band storica di Lucio. Sale ora sul palco l’intera squadra del Bologna per omaggiare Dalla. Una vittoria recente con la Fiorentina apre l’omaggio a una delle passioni dell’artista, il calcio. Iskra Menarini invita la squadra e il pubblico a ballare «Attenti al lupo».

21.55 - Siamo tornati dopo la pubblicità e si va al palco secondario, con lo sfondo della chiesa di San Petronio. Zucchero omaggio Lucio Dalla con «Ave Maria no Morro». Alle sue spalle un piccolo coro gospel. Ora è tempo di un altro filmato con Lucio Dalla che a Sanremo nel 1971 canta «4/3/1943», intonata poi da Gianni Morandi sul palco principale. Accanto a lui, Andrea Bocelli. Ovazione dalla piazza.

22.06 – Andrea Bocelli si esibisce con il brano «Malafemmina», una delle cover più note reinterpretate da Lucio Dalla. Andrea Bocelli accenna anche un piccolo pezzo di «Caruso». Brividi a fior di pelle.

22.12 – Ancora filmati di repertorio di Lucio Dalla, insieme a Dario Fo. A seguire, Samuele Bersani canta «Canzone», un brano del 1996 scritto da lui in una via del centro di Bologna.

22.18 – È il momento di Pino Daniele con il brano «Caruso», che finalmente viene eseguita in versione completa. Lascia cantare il pubblico, è uno dei momenti più toccanti (per ora) della serata.

22.31 – Al ritorno dalla pubblicità, ecco Gigi D’Alessio con la mitica «Disperato Erotico Stomp», suonata al piano. Gigi racconta la storia del brano e la vicinanza con Dalla, che era anche familiare e non solo musicale. Marco Alemanno cita il testo di «Tutta la vita».

22.39 – Giuliano Sangiorgi dei Negramaro e Fiorella Mannoia cantano insieme «Anna e Marco». Il duetto è pieno di energia, passione per la musica. Il pubblico è incantato. Dopo un breve filmato di repertorio, Ron, Samuele Bersani e Luca Carboni, Stefano Ligi e Angela Baraldi cantano «Cosa sarà».

22.55 – Ecco di ritorno i Negramaro (quasi) al completo. Cantano «Felicità» di Lucio Dalla. Sullo sfondo, la tromba di Paolo Fresu. Un’esibizione che ci ha lasciato senza fiato. Complimenti a Giuliano Sangiorgi, davvero.

23.04 – «Cara» è il brano che porta sul palco Fiorella Mannoia, che torna sul palco con questo brano del 1980. È una delle canzoni più belle di Lucio. Fiorella ha le lacrime agli occhi, anche il pubblico è in preda alla commozione. A parlare di lui è Francesco De Gregori, che rievoca il loro grande legame professionale.

23.11 – Paolo Rossi è sul palco in questo momento e intona «Milano», un altro dei brani cult di Dalla. Un filmato racconta del testo più difficile da scrivere per Lucio, parliamo di «Henna». Ora pubblicità. A tra poco con la continuazione dello show.

23.26 – Torna sul palco Giuliano Sangiorgi cantando «Il cielo». Un momento ipnotico, a cui segue l’ingresso degli Stadio, sempre con la presenza di Paolo Fresu. Cantano «L’ultima luna». Dopo una conversazione con Gianni Morandi, arriva il momento di Pierdavide Carone, canta «Se io fossi un angelo». Bravo.

23.57 – Torniamo dalla pubblicità con Luca Carboni con la canzone «Quale allegria», il suo atteggiamento è rispettoso, timido, riverente, molto apprezzato. Marco Mengoni torna sul palco per cantare «Meri Luis», incisa con Dalla per uno dei suoi ultimi lavori. Grande performance, ancora una volta, piena di energia.

00.07 – È il momento di Ornella Vanoni e Chiara Galiazzo. Insieme cantano «Chissà se lo sai», uno dei brani più struggenti di Dalla. Lo spettacolo continua! Dopo la loro esibizione, arriva sul palco Mario Biondi. Canta «Futura».

00.23 – La lunga maratona musicale continua con «Com’è profondo il mare», cantato da Antonio Maggio, vincitore di Sanremo Giovani 2013, Paolo Simoni e Il Cile. Chiude il concerto Gianni Morandi con «Piazza Grande», cantata insieme a tutti gli altri ospiti.

http://www.sorrisi.com/2013/03/04/4-marzo-il-concerto-per-lucio-dalla-su-raiuno-minuto-per-minuto/
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 9:38 am

Musica: Morandi Zero Mengoni, "canzoni e lacrime" in ricordo di Lucio Dalla

(AGI) - Bologna, 5 mar. - "Ciao Lucio, la tua piazza, Piazza Maggiore, Piazza Grande... Bologna ti saluta": cosi' Gianni Morandi, dopo aver cantato la canzone "Vita" virtualmente insieme a Lucio Dalla, il cui volto veniva proiettato sui palazzi della piazza mentre la sua voce risuonava inconfondibile nell'aria, ha dato il via ieri sera al grande concerto in Piazza Maggiore a Bologna in ricordo del cantautore scomparso. Un inizio emozionante, cui la piazza ha risposto con un fragoroso applauso. "Sono passati settant'anni da quel 4 marzo '43 - ha detto ancora Morandi ricordando che oggi sarebbe stato il 70esimo compleanno di Lucio - noi siamo qui per salutarti ma anche per festeggiarti, perche' la tua musica e' vita e ci accompagnera' sempre".

Dopo Morandi e' entrato subito in scena Renato Zero con le struggenti note di "Caro amico ti scrivo". "Credo che sia un mentore, una voce fuori dal coro che ha insegnato tante cose": cosi' Mario Biondi ha ricordato Lucio Dalla spiegando che il cantautore bolognese rappresenta per lui "ma credo, per l'Iatlia intera, un artista incommensurabile, un genio e una persona splendida". L'inconfondibile voce di Mario Biondi ha cantato poi la celebre canzone di Dalla "Futura". "Faccio 'Futura' dal vivo con la mia band - continua Biondi - da diverso tempo e che devo dire, e' una meraviglia! Le canzoni di Dalla che avrei voluto cantare? Tutte. Man mano le ho cantate in passato e magari continuero' a farlo in futuro".

"Era il genio, la follia la liberta'" cosi' Marco Mengoni, neo vincitore di Sanremo, ha definito Lucio Dalla. "Io volevo cantare 'Canzone' - ha spiegato Mengoni che invece sul palco ha interpretato 'Tu non mi basti mai' -, pero' me l'ha fregata un altro mio collega: pero' va benissimo, l'importante e' essere qui e non far vedere quel che siamo noi ma quello che era lui e quello che ha scritto, perche' ne ha scritte veramente tante e ne ha scritte di belle".

http://www.agi.it/spettacolo/notizie/201303050913-ipp-rt10034-dalla_morandi_zero_mengoni_canzoni_e_lacrime_in_ricordo_di_lucio
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 9:51 am

Lucio Dalla, evento ricco di emozioni e canzoni
Zero, Mengoni e la Mannoia commossa hanno reso omaggio al cantautore morto un anno fa

09:42 - Piazza Maggiore di Bologna piena all'inverosimile per quattro ore, tantissimi amici da Renato Zero a Gigi D'Alessio sul palco a cantare i suoi successi più grandi e Morandi padrone di casa commosso e sincero. Lucio Dalla è stato onorato, ad un anno dalla scomparsa e nel giorno del suo compleanno, con un grande concerto "4 marzo" ricco di emozioni. Tra i momenti più intensi "Cara" cantata da Fiorella Mannoia, poi scoppiata in un pianto commosso.
Le immagini di Mike Bongiorno che presenta Lucio Dalla al Festival di Sanremo 1972 con "4/3/1943" hanno aperto l'evento musicale "4 marzo", organizzato in modo impeccabile dalla Ballandi Entertainment in associazione con F&P Group. Un grande live di quattro ore che hanno visto alternarsi sul palco amici di Lucio cantare i suoi successi più grandi. Non poteva che essere Gianni Morandi il primo in scaletta con "Vita" uno dei singoli di successo di "DallaMorandi", uno dei dischi più belli della carriera di entrambi gli artisti. Poi con Gianni è comparso Renato Zero per intonare "L'anno che verrà". Sempre Zero ha poi regalato un brano delicato e sincero dedicato all'artista scomparso dal titolo "Lù". Via via sono apparsi poi gli altri protagonisti del grande show. Marco Mengoni ha convinto con la leggerezza di "Tu non mi basti mai" e l'intensa "Meri Luis". "A Lucio devo tanto - ha detto poi il vincitore del Festival di Sanremo - mi ha chiamato in un periodo un po' buio della mia vita e mi ha insegnato tante cose". Zucchero seduto sul sagrato della Basilica San Petronio con un coro gospel alle spalle si è emozionato ed ha emozionato con uno dei momenti più toccanti della serata grazie ad una preghiera speciale dedicata a Lucio. Andrea Bocelli ha cantato prima con Morandi "4/3/1943" e poi "Malafemmena", una delle canzoni napoletane più amate da Dalla ma è anche uno dei brani dell'ultimo cd di Bocelli "Passione". Al termine dell'esecuzione Morandi ha giustamente fatto intonare "Caruso", che sarebbe anche stata più adatta al tenore pop ma che poi è stata cantata da Pino Daniele. "Disperato Erotico Stomp" è stato intepretato da Gigi D'Alessio accolto da qualche fischio tra il pubblico. Ma forse non tutti sanno che Lucio e Gigi si stimavano tanto ed erano anche amici. Simpatico siparietto con i calciatori del Bologna, in fila uno accanto all'altro, a ballare "Attenti al lupo", peccato che molti non sapessero neanche il ritornello. Una delle scoperte del cantautore, Samuele Bersani, emozionatissimo ha proposto "Canzone". Ron ha incantato con "Henna" e poi con Luca Carboni, Samuele Bersani, Angela Baraldi e Stefano Ligi in "Cosa sarà". Fiorella Mannoia di gran classe con "Cara". La cantante si commuove al termine dell'esecuzione. Duetto tanto atteso "Chissà se lo sai?", ingiustamente messo a fine scaletta, quello di Ornella Vanoni con Chiara Galiazzo, visibilmente emozionata e 'bloccata' davanti a una Piazza importante e gremita. La stessa Vanoni a termine del concerto prendendo la parola ha fatto una proposta al sindaco: "Intitoli questa Piazza in Piazza Grande!".

Insomma "4 marzo" è stata una festa nella festa, un momento toccante e vero. Una produzione impeccabile e anche se ci sono stati momenti in cui i cantanti non sono stati proprio impeccabili dal punto di vista tecnico, l'emozione vera e la commozione per Dalla erano la dimostrazione più bella di come, a volte, più che le chiacchiere inutili valgano il cuore e l'amore per la musica.

http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/articoli/1084574/lucio-dalla-evento-ricco-di-emozioni-e-canzoni.shtml
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Deianira il Mar Mar 05, 2013 10:15 am

Marco Mengoni canta egregiamente Dalla e la folla impazzisce

Marco Mengoni è stato il trionfatore della serata dedicata a Lucio Dalla. Una performance impeccabile sulle note di Tu non mi basti mai, il vincitore del Festival di Sanremo ha incantato una affollatissima platea accorsa da ogni dove per riempire Piazza Maggiore. “Grazie Lucio” urla Marco Mengoni ad un certo punto della sua esibizione accompagnato dall’applauso della folla che condivide il gesto.

Bravo marco! Sofisticato ed elegante ha portato una ventata di giovinezza in una serata dominata da mostri sacri della musica italiana (salvo eccezioni) come Zucchero, Bocelli, Fiorella Mannoia il presentatore Gianni Morandi.

Nonostante la giovane età ed il recente successo, Marco Mengoni aveva avuto la possibilità di conoscere e, addirittura, collaborare con Lucio Dalla. Ma come era nato questo incontro? Dalla lo aveva sentito cantare, una sera, in un locale delle isole Tremiti e se ne era subito innamorato.

In Marco Mengoni il cantautore bolognese aveva visto tutto ciò di cui ha bisogno un artista per divenire una star di respiro internazionale: una voce originale, unica “con una voce così potrebbe cantare qualunque cosa”.
E così lo scelse per duettare con lui in Meri Luis, una delle canzoni più belle della sua carriera.

Un grande onore, dunque, per Marco Mengoni, una gioia che, come lui stesso ha più volte ribadito nella sua umiltà, segnerà per sempre la sua carriera professionale.
Ieri sera sul palco allestito a Piazza Maggiore non c’è dubbio che l’esibizione del recente trionfatore di Sanremo sia stata una delle migliori.

http://www.optimaitalia.com/blog/2013/03/05/marco-mengoni-canta-egregiamente-dalla-e-la-folla-impazzisce-video/61189
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rassegna web

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 40 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 22 ... 40  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum