SOLO (album)

Pagina 17 di 17 Precedente  1 ... 10 ... 15, 16, 17

Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Deianira il Dom Ott 09, 2011 11:59 am

Exit ha scritto:
Brava Deia ( e il terzo amico che ha detto? )


Il terzo amico non si è ancora fatto vivo.....domani lo chiamo.
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Deianira il Dom Ott 09, 2011 11:15 pm

Oltre alla collaborazione ghost con Paolo Nutini nell'album ce n'è un'altra molto ghiotta, quella con Boosta dei Subsonica.

Nei brani Solo, Searching e Come ti senti l'elettronica aggiuntiva è di Ossigrossi. Ossigrossi è lo pseudonimo di Davide Dileo ''Boosta''.

Nei ringraziamenti del booklet Marco ringrazia anche un ''Davide'' che probabilmente è proprio Boosta.

Forse per motivi discografici non hanno potuto ufficializzare la collaborazione comunque è una bella cosa per Marco.

-----------
EDIT: lo staff ha appena confermato che Ossigrossi è Boosta!
avatar
Deianira
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 11364
Data d'iscrizione : 03.02.11

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Jazzbianco il Lun Ott 10, 2011 2:31 am

Anche se queste collaborazioni non possono essere sbandierate, sono proprio contenta. Sono un segno tangibile di stima, e sicuramente la frequentazione di altri artisti, con altri metodi di lavoro e diverse esperienze, sarà stata stimolante per una spugna come Marco.
avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 105

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Jazzbianco il Lun Ott 10, 2011 2:36 am

Deianira ha scritto:Nei ringraziamenti del booklet Marco ringrazia anche un ''Davide'' che probabilmente è proprio Boosta.

Mi sembra che ringrazi questo Davide insieme a Benedetta, (ho letto i ringraziamenti in giro perché il booklet ancora non sono riuscita a vederlo) quindi è certamente Boosta.
E nella loro trasmissione ha incontrato Dente. Doppi ringraziamenti, quindi.
avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 105

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da lulinina il Lun Ott 10, 2011 8:36 am

Il tattarillo mi ha collaborato con Boosta???
Chissà com'era emozionato.. :marcofanZ:
La Benedetta l'avrà preso per sfinimento
avatar
lulinina
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 1464
Data d'iscrizione : 01.09.11

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Joe il Mer Ott 19, 2011 8:24 pm



Disco di bassissima fattura…con poco qualita…molto perplessita sui brani proposti…si possono salvare due canzoni…neanche il canto convince…Marco in studio perde grinta…
Spoiler:
c'era una volta Re Matto...

Ma la mia fiducia rimaneva intatta.
 
Sono andato a Milano a vedere un suo concerto perche ero convinto che avrebbe proposto un ottimo live. Non sono stato deluso.
 
Il gruppo era pieno di idee. Ero stato colpito ad esempio dalle transizione delle canzoni e gli arrangiamenti. Avevo intuito la strada che Marco avrebbe percorso per il suo primo vero lavoro. C’era tanta roba buona con spirito molto rock (specialmente nei cover). Un altro camino era impossibile a breve termine. A suo tempo avevo scritto che mi aspettavo un disco d’impronto anni 60/70. Eccoci serviti. E ringrazio...
 
Omogeneita nella diversita dei stili è quello che caratterizza Solo 2.0.
Anche se composto da stile abbastanza diversi, il disco ha un identita propria. Forse non percettibile ai primi ascolti perche c’è tanta roba da assorbire. E questo disco vale tanto sul piano artistico perche prende valore ad ogni ascolto. Non è da tutti. E ho rivalutato canzoni ascolti dopo ascolti per arrivare alle pagelle definitive qui sotto.
 
Le piu belle sorprese sono nei arrangiamenti, nelle struture stesse delle canzoni (siamo al di là della strofa ritornello bridge etc......c'è di piu !) e l’ottima produzione artistica. Curati e eccezionalmente riusciti in molti punti, gli arrangiamenti rendono l’ascolto di molto tracce mai noiose, ma sopratutto sempre godibile anche con canzoni debole melodicamente (Searching). Su tutto per gli arrangiamenti un 10 e lode per : Un Gioco Sporco, Searching, Uranio 22, Come ti senti, Mangialanima, Un finale diverso, e Dall’Inferno.
Non ho messo Solo perche gli arrangiamenti delle strofe sono pesante, ma molto pesante ! sia nella seconda (con la chitarra) e la terza e quarta con il gioco sui Tom (batteria).
Ma questo l'avevo gia scritto quando uscì il singolo.
E un errore grossolano e mi stupisce che sia stato fatto...perche per il resto (anche su canzoni nazional-popolare) gli arrangiamenti sono molto buoni.
Trane i piccoli inserimenti della tastiera elettronica. Questi suoni "invadono" l'album, e sono troppo targati anni 80. "Invecchiano" all'improviso, all'instante certi brani...come sono invecchiate, il 90% della produzione di quei anni.
(mi rendo conto del pessimo italiano.........).

La perla del disco :
Dall'inferno : dal minuto 2'40 a 3'15...potrei ascoltare questo passagio all'infinito. Qui emerge il fan dei Pink Floyd pronto ad ascoltare pezzi che non finiscono mai. Qui me lo sono immaginato nella mia testa...(posso garantire che è stupendo !).
Ma la voce piu in avanti, no ?! che peccato !!
Ottimo pezzo.

Un gioco sporco : L'errore piu grande di SOLO 2.0. Aver messo UGS dopo Solo. Assurdo, sono incompatibile nell'ascolto. Infatti, UGS mi aveva spiazzato nel primo ascolto, e non ci capivo piu niente. Sono brani stilisticamente troppo all'opposto (i piu estremi dell'album) per metterle in 1 e 2. Meglio dopo Tirc o l'Equilibrista ad esempio.
Sono sicuro che ha spiazzato piu di uno.
Communque la canzone è fortissima e i cori dei Cluster su "state tutti giu, devo correre", mi da i brividi. Mi stupisce che molto di voi preferisca la versione alternativa...non si puo sentire !
Un brano notevole, inconsueto ma notevole.

Come ti senti : il capolavoro ! Lo ribadisco e firmo. Un pezzo geniale nel suo insieme. Un crescendo stupendo, semplice ma stupendo. Essenziale dunque geniale. La chitarra all'inizio è tremenda. Quattro note iniziale per un godimento totale. 
Con qualsiasi altro cantante, anche se sconosciuto, avrei comprato il disco ad occhi chiusi per "come ti senti"...


Mangialanima :
Il pezzo beatlesiano per eccellenza. Non solo per il ricchiamo a "Hard day's Night", ma per i violini in contro-tempo a fine canzone, e i clap di mani disordinati nel finale. Un omaggio vero e proprio. Una dei piu godibile.

TIRC e L'Equilibrista : le piu debole dell'album. IUGQ è piu forte nella melodia, pensate!... 
Nessun emozione dopo 40 ascolti...ma bastavano le prime due. Disgraziatamente L'Equilibrista è la piu lunga dell'album, quando bastava un 2'30...alla "And I lover her" per esempio. Lasciamo stare...
E poi mi tagliano la Ghost Track con il minutino ?!
Ah! Belli !!
Se Marco avrà successo con Tirc, (prossimo singolo) siamo messi male. Perche l'italiano medio avrà capito che il stile di Marco è lì. Non solo loro, ma la Sony...
Brutta storia. 

(per il resto, a seguire nei prossimi giorni)...

avatar
Joe
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 577
Data d'iscrizione : 15.02.11
Località : Paris

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Levnicolaievic il Mer Ott 19, 2011 9:07 pm

:toreador:
wow e doppio wow ... ottima recensione... utilisssima per capire ...vado a risentirmi tutto col tuo scritto davanti.. e, devo confessare una cosa ? Non riesco più a sentire " Solo" ... mi sembra troppo pesante, non so, c'è qualche cosa che non va dopo un certo numero di ascolti... forse l'ho ascoltato troppo...mentre hanno acquistato sempre più gradevolezza all'orecchio proprio
" Un gioco sporco" e " Mangialanima" anche " dall'Inferno " non mi stanca, anzi...

aspetto il seguito
avatar
Levnicolaievic
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 4736
Data d'iscrizione : 10.10.10
Località : Lago Maggiore

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da puparock il Mer Ott 19, 2011 11:23 pm

@Joe
complimenti caro!!!!Mi sei piaciuto...un sacchissimoooooooooooooooo!!!

non hai nominato Uranio 22, la mia preferita insieme a Come ti senti e Dall'Inferno...non ti piace , mi sa......
avatar
puparock
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 3027
Data d'iscrizione : 12.10.10
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Jazzbianco il Mer Ott 19, 2011 11:53 pm

Joe ha scritto:
Omogeneita nella diversita dei stili è quello che caratterizza Solo 2.0.
Anche se composto da stile abbastanza diversi, il disco ha un identita propria. Forse non percettibile ai primi ascolti perche c’è tanta roba da assorbire. E questo disco vale tanto sul piano artistico perche prende valore ad ogni ascolto. Non è da tutti. E ho rivalutato canzoni ascolti dopo ascolti per arrivare alle pagelle definitive qui sotto.

Concordo pienamente, e lo avevo anche scritto.
 
Joe ha scritto:Le piu belle sorprese sono nei arrangiamenti, nelle struture stesse delle canzoni (siamo al di là della strofa ritornello bridge etc......c'è di piu !) e l’ottima produzione artistica. Curati e eccezionalmente riusciti in molti punti, gli arrangiamenti rendono l’ascolto di molto tracce mai noiose, ma sopratutto sempre godibile anche con canzoni debole melodicamente (Searching). Su tutto per gli arrangiamenti un 10 e lode per : Un Gioco Sporco, Searching, Uranio 22, Come ti senti, Mangialanima, Un finale diverso, e Dall’Inferno.

Anche qui, perfettamente in sintonia. Sono proprio gli arrangiamenti a dare uniformità all'album.

Joe ha scritto:Non ho messo Solo perche gli arrangiamenti delle strofe sono pesante, ma molto pesante ! sia nella seconda (con la chitarra) e la terza e quarta con il gioco sui Tom (batteria).
Ma questo l'avevo gia scritto quando uscì il singolo.
E un errore grossolano e mi stupisce che sia stato fatto...perche per il resto (anche su canzoni nazional-popolare) gli arrangiamenti sono molto buoni.
Trane i piccoli inserimenti della tastiera elettronica. Questi suoni "invadono" l'album, e sono troppo targati anni 80. "Invecchiano" all'improviso, all'instante certi brani...come sono invecchiate, il 90% della produzione di quei anni.
(mi rendo conto del pessimo italiano.........).

Per Solo ti quoto, e aggiungo che pesante e ridondante è anche il testo, e la sua voce soccombe sotto questo peso.
La tastiera elettronica invece a me piace, e anche molto... sarà per via di quei maledetti anni '80, che o si amano o si odiano.

Joe ha scritto:Un gioco sporco : L'errore piu grande di SOLO 2.0. Aver messo UGS dopo Solo. Assurdo, sono incompatibile nell'ascolto. Infatti, UGS mi aveva spiazzato nel primo ascolto, e non ci capivo piu niente. Sono brani stilisticamente troppo all'opposto (i piu estremi dell'album) per metterle in 1 e 2. Meglio dopo Tirc o l'Equilibrista ad esempio.
Sono sicuro che ha spiazzato piu di uno.
Communque la canzone è fortissima e i cori dei Cluster su "state tutti giu, devo correre", mi da i brividi. Mi stupisce che molto di voi preferisca la versione alternativa...non si puo sentire !
Un brano notevole, inconsueto ma notevole.

Per me è il brano migliore. Certo che qualche dubbio sulla track list ce l'ho avuto anche io, dopo l'Equilibrista avrebbe spezzato la leggera monotonia della seconda parte del CD, ma che boccata d'ossigeno è stata, dopo quel mattone che è Solo. Arriva così fresca e potente a scombussolarti totalmente, tanto da non capirci nulla, appunto, ma facendoti desiderare di risentirla immediatamente.
Mi piace anche la versione a cappella, ma leggermente meno della versione "ufficiale" e infatti nella pagella le ho dato un voto in meno.

Gli altri punti non li commento, più o meno concordo, tranne su L'Equilibrista, ma capisco che il mio è un giudizio puramente emotivo e personale.


puparock ha scritto:@Joe
complimenti caro!!!!Mi sei piaciuto...un sacchissimoooooooooooooooo!!!

non hai nominato Uranio 22, la mia preferita insieme a Come ti senti e Dall'Inferno...non ti piace , mi sa......

Forse ti è sfuggito, ma Uranio 22 ha avuto il 10 e lode per gli arrangiamenti.
avatar
Jazzbianco
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 10507
Data d'iscrizione : 09.10.10
Età : 105

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da puparock il Gio Ott 20, 2011 11:27 am

mie era sfuggito!!!!!!!!!!
@Joe @Jazz
vi adoroooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
avatar
puparock
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 3027
Data d'iscrizione : 12.10.10
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Joe il Sab Ott 22, 2011 11:04 pm



La recensione, suite...

Searching : La melodia è banale e uccide tutto quello di buono che era stato fatto : l'anticipazione della chitarra prima della strofa, la tastiera stessa e gli ottimi supporto dei violini nel ritornello. Se si aggiunge che c'è qualcosa di innaturale nel canto in inglese...( e questo mi stupisce ) il brano perde tutta la sua potenza. 
Peccato.

Tonight : un occhiata a "Mad World" l'avrano fatto nel compore questo brano...
Passa tranquilamente tra due brani potenti nel suono. Piacevole a sentire senza strappo di capelli.
La voce suava aiuta ad adolcire il pezzo. Marco dovrebbe eseguire di piu questa strada. Perche ve lo dico tranquilamente, il canto su Tirc nel ritornello - io, sostenitore, fan di Marco dalle prime ore - è al limite del sopportabile. Pensate gli altri...
Ripiango "Lontanissimo da te". La piu riuscita nella melodia e nel canto. Riproposta oggi con un bello arrangiamento, parole diverse.....
Ogni tanto l'ascolto, e i brividi sono garantiti.

Uranio 22 : non sono uno di quello che analizza le parole. Difetto o no, ma è cosi. E incredibilmente dal secondo ascolto il testo mi ha intrigato..."sentivo" qualcosa di importante.
Gli altri pezzi ( a parte come ti senti ) non so di che cosa parlino, al limite non lo voglio sapere perche mi basta la musica. Ma con Uranio 22, parole e musica mi sono arrivati quasi all'insieme.
Dal primo ascolto ho sentito il Celentano dei fine anni 60 ( sottolineato da Deia mi pare ). Celentano lo conosco da quando avevo sei anni. La cassetta girava in continuazione in macchina durante i lunghi viaggi verso Rimini o la Sicilia nei primi anni 70...
Ho avuto un colpo di nostalgia.....
Quando metto il disco è una di quella che non posso non sentire. È quasi vitale.
Straordinario il coro dei "bambini" che glorificano gli eroi, e che saranno loro da adulti ad andarci...

Un finale diverso : La odiavo, troppo suoni assurdi. Qui devono darsi una regolata...
Pero piano piano l'assorbivo, fino ad alzarmi la mattina con questa canzone in testa. Vorrà dire qualcosa...
E poi c'è il passagio stupendo dal minuto 2'55...ma perche cosi corto, sul piu bello ??

Bolero : mah !...
All'inizio mi era piaciuto l'idea (anche se il ricchiamo a Ravel è troppo evidente, dai !) anche se l'esecuzione è scialba.
Dopo tanti ascolti dell'album non la posso piu sentire. Per me il disco finisce con dall''inferno...e mi lascia un "goût amer"...
C'è qualcosa di incompiuto nel finale di questo disco.
La Ghost track è un fantasma appunto...messa li...poteva essere un bel VERO finale. Un spreco.
  
Un grande bel disco non c'è niente da dire. L'ho sempre in macchina e lo ascolto volentieri un giorno si un giorno no. E questo vuol dire tanto.

Pensate un po, Re Matto l'avevo ascoltato tre volte...
Ho moltiplicato per 20 l'ascolto di SOLO 2.0.......
Vuol dire un sacco di cose.

Il voto definitivo !

1. Solo : 6.5
2. Un gioco sporco : 7.5
3. Tanto il resto cambia : 5
4. Searching : 5.5
5. Uranio 22 : 7
6. Come ti senti : 8
7. L'Equilibrista : 4
8. Mangialanima : 7 
9. Un finale diverso : 6.5
10. Tonight : 6
11. Dall'inferno : 7.5
12. Bolero : 5.5
13. Ghost track : 7

avatar
Joe
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 577
Data d'iscrizione : 15.02.11
Località : Paris

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Malefika il Sab Ott 22, 2011 11:30 pm

Joe ha scritto:Celentano lo conosco da quando avevo sei anni. La cassetta girava in continuazione in macchina durante i lunghi viaggi verso Rimini o la Sicilia nei primi anni 70...

lo hai sentito l'ultimo singolo scritto da Giuliano dei Negramaro?
avatar
Malefika
Parlo poco ma parlo
Parlo poco ma parlo

Messaggi : 1883
Data d'iscrizione : 08.12.10

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Joe il Sab Ott 22, 2011 11:52 pm

No Mà...spero che sarà presto sul tubo.
avatar
Joe
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 577
Data d'iscrizione : 15.02.11
Località : Paris

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Joe il Sab Ott 29, 2011 1:27 am

Malefika ha scritto:
Joe ha scritto:Celentano lo conosco da quando avevo sei anni. La cassetta girava in continuazione in macchina durante i lunghi viaggi verso Rimini o la Sicilia nei primi anni 70...

lo hai sentito l'ultimo singolo scritto da Giuliano dei Negramaro?


Una premessa...rispondo al post di Malefika nel topic "Marco, ambizioni scelte..."sui Negramaro, la musica che piace ai maschi...etc...

Ho visto e ascoltato qualche video su youtube.
Mbé...sono banali. Come sono banali i loro vicino di casa, i Muse. Ma i Negramaro sono anche peggio. Non c'entrano niente con Marco e con il suo ultimo album...non ci puo essere un minimo di paragone. 

Ora Malefika mi chiedi del singolo di Celentano composto da Giuliano......
Una schifezza terrificante. Lo dicco con la massima tranquilita.
E mi spiace perche adoro Adriano.
Brutto pezzo... una batteria da dilettante. I suoni elettronici sono da buttare. Ma è una mania ?
Ho letto in giro che è un ottimo pezzo....
Ma allora un problema c'è in Italia !
Non dovete solo cambiare Premier...dovete cambiare mentalità !!
Evidentemente non è rivolto a voi "iperuraniche", ma ai critici, a quelli che fanno show business e a l'italiano medio che compra musica.
L'italiano ha un problema con la musica e la sua percezione...c'è un condizionamento di vario tipo a tutti i livelli.
Piano piano sto capendo questo Circolo assurdo.
Marco in quell'ambiente "ridicolo" è solo un povero Christo.......

Ma quante volte vi ho detto che Marco con l'Italia non c'entra proprio niente ?
  
avatar
Joe
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 577
Data d'iscrizione : 15.02.11
Località : Paris

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Levnicolaievic il Sab Ott 29, 2011 9:23 am

Caro Joe,
Marco è italiano... e questo c'entra con l'Italia, no ?
A differenza di altri popoli europei, uno dei nostri limiti è quello di essere stati , da sempre e per fortuna , poco nazionalisti : piuttosto siamo sempre sedotti dall'esterofilia anche se, in realtà, una delle radici della creatività artistica è ben saldamente piantata in questo paese, anche questo da sempre, specie nel canto.. come Mengoni dimostra... Quanto ai gusti musicali degli italiani, quelli rappresentati nelle classifiche di vendita sono una immagine parziale : ripeto quello che ho già detto, gli ascolti di quasi tutti i giovani che conosco seguono canali diversi da quelli ufficiali e anche i generi che prediligono sono diversificati, come in Francia e in tutta Europa , credo. Se invece tu ti riferisci alla "decadenza" culturale dovuta all'impatto televisivo sulla vita delle persone, questo è un discorso generico, che vale per l'intero pianeta..e poi dai , forse esageri un pò identificando "i poveri" Negramaro come la cartina di tornasole della " bruttura" musicale italiana...ce n'è di peggio ..
avatar
Levnicolaievic
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 4736
Data d'iscrizione : 10.10.10
Località : Lago Maggiore

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Joe il Lun Ott 31, 2011 4:00 pm

Ciao a tutti !

@ Lev
tu allarghi troppo il discorso (come sempre, ma non è un rimprovero, perche è sempre un piacere leggerti, anche se ho bisogno del dizionario).

No, io Lev parlo di musica leggera, e la specificita della musica italiana caratterizzata dal vostro intramontabile San Remo, dove la musica d'impronta nazional-popolare da 50 anni ha letteralmente condizionato i gusti di quattro generazione di italiani.
Io volevo solo fare notare questa cosa. iI radicamento di una certa cultura musicale in Italia...non ne uscite vivi.

Sembra meno radicata in altri paesi.
Esempi di apperture musicale piu forte :

Gli USA non ne parliamo nemeno. Quasi quasi ad ogni Stato c'è un tipo di musica. 
La GB sono sempre stati all'avanguardia. Anche per loro non ne parliamo nemeno.
La Germania ? ha Wagner e Beethoven. Per i tedeschi basta questo. Anche per me.
La Francia invece è interessante da studiare.   
Due esempi : (ne potrei fare cinquanta).
I Pink Floyd hanno venduto piu album nel 68-70 in Francia che in GB (sopratutto Ummagumma). Strano no ?
I musicisti Jazz ( quelli del cool jazz ) nei primi anni 50 hanno trovato l'eldorado in Francia ...per poi "esplodere" dappertutto. Se si aspettava l'Italia a fare emergere questi musicisti...saremo freschi ! E la nostra Jazz avrebbe oggi un altro nickname...... 

Sarano snob i Francesi ?...non so, ma c'è una follia, una volontà di andare sempre oltre, cercare l'insolito.
È una mentalità.
L'Italia non c'è l'ha. Questo volevo intendere.

Un esempio personnale :  
Quando ero ragazzo andavo ogni anno in Sicilia in agosto. A 13-14 anni in poi portavo dischi di ogni tipo che facevo ascoltare a miei cugini siciliani. (cugini francesi + cugini siciliani in agosto eravamo proprio una vera tribù !! ). Eravamo noi "francesi " piu avanti negli ascolti di musica. Loro ? fermi. E non parlo di una famiglia di "paesani", ma con una "cultura" forte.

Lev, per quanto riguarda i Negramaro... 
Scrivi : "e poi dai, forse esageri un pò identificando "i poveri" Negramaro come la cartina di tornasole della " bruttura" musicale italiana...ce n'è di peggio ..

Ma chi l'ha detto Lev ? chi l'ha scritto ? io no. 

Questo è il problema quando scriviamo. Il lettore va spesso oltre al pensiero iniziale di chi scrive...estrapola...
Lev, ho detto due cose sui Negramaro.

1. Che sono banali come sono banali i Muse e tutto il movimento rock anni 2000. Sono con pocche idee melodiche, appoggiandossi unicamente su un suono potente, con riff di chitarre in primo piano...e si ricorda solo di quello.
    
2. Ho castigato la canzone di Celentano, scritta da uno dei Negramaro...ma non me ne importa. Scritta da McCartney o da Noel Gallagher il giudizio sarebbe stato identico. 
L'avrai capito Lev, io non mi formalizzo per niente con queste vicende di fans. Non sono dogmatico. E specialmente in musica. Se c'è da stroncare, stronco. Beatles McCartney Pink Floyd Oasis  Mengoni o chi che sia...se c'è da criticare ( nel senso giusto ) non mi defilo, anche se l'artista mi piace.
Io vedo in giro a volte troppo campanilismo sui cantanti... 
 
Un abbraccio !
avatar
Joe
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 577
Data d'iscrizione : 15.02.11
Località : Paris

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Levnicolaievic il Lun Ott 31, 2011 4:34 pm

:gattoluna: Sempre bello leggerti Joe: ricambio il tuo abbraccio !
per risponderti, comincio dalla fine del tuo discorso: I Negramaro li conosco poco anche io, le ultime produzioni non mi sono piaciute ma in passato ho amato alcune loro canzoni per il forte impatto estetico che avevano su di me, per la capacità evocativa del mix musica-testo ( su tutte " Estate" ) .. poco c'entrano con la musica nazional-popolare.. e se non ti piacciono puoi criticarli come e quanto vuoi.
La musica naziona-popolare piuttosto è rappresentata dalla triade Laura Pausini , Eros Ramazzotti e Biagio Antonacci : quelli che, gira-gira, restringono il loro discorso attorno alle tematiche degli amori tristi e sfortunati con una melodia che cambia poco.
E' questo che tu intendi per " radicamento di una certa cultura musicale italiana" ?
Il permanere entro queste melodie e queste tematiche ? - Insomma , la musica "spacciata" da Sanremo...
Così era in Italia prima degli anni sessanta e settanta e così è tornato ad essere ora: ma c'è stato un periodo che non è stato così: te lo possono spiegare meglio di me Cassandra, o
Jazz o Tulip .. come tu parli degli ascolti musicali della Francia di quel periodo , anche in Italia in quel periodo c'è stato un grosso rinnovamento dei gusti giovanili, che ha assorbito tutta la british invasion prima e la musica della west coast dopo , con tutti gli annessi e connessi ... io sono arrivata ad ascoltare molta buona musica nell 'adolescenza , me l'hanno insegnato amici più grandi di me, e possessori di discografie da " leccarsi i baffi"... il mondo giovanile era allora un mondo che aveva caratteristiche comuni ovunque in Europa e in America... forse nei paesini siciliani o veneti, no : ma era la città che faceva la differenza, anche soltanto la vicinanza alle città e la possibilità di andare a comprare dischi ed assistere a concerti...poi c'è stato il riflusso questa universalità generazionale è andata frantumandosi in mille rivoli, ha ripreso a prevalere un gusto musicale più superficiale, più facile ma è quello che ci rappresenta, quello è quello pubblicizzato, vendibile, commerciale, si diceva appunto ... insomma non è perchè non si è conosciuta buona muisica che non si apprezza il Mengoni, è perchè la voce di Marco è troppo particolare, deve ancora crearsi un gusto .. e poi deve ancora trovare i testi che la rappresentino adeguatamente : ecco io sposterei l'accento dell'analisi non sul pubblico, ma sulla voce... :paura:
avatar
Levnicolaievic
Parlo parlo parlo
Parlo parlo parlo

Messaggi : 4736
Data d'iscrizione : 10.10.10
Località : Lago Maggiore

Torna in alto Andare in basso

Re: SOLO (album)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 17 di 17 Precedente  1 ... 10 ... 15, 16, 17

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum